Growth stock in ritracciamento MA portafogli in positivo

Condividi il post

Analisi e Video Analisi del mercato azionario - 13 Settembre 2021

Growth stock in ritracciamento MA portafogli in positivo

(Clicca sull'immagine qui sotto per vedere la video analisi)

 

⭕ Analisi del mercato: azionario USA

PANORAMICA

Ritracciamento e chiusure prossime ai minimi della settimana per i principali indici.

Il Dow ha lasciato sul terreno un -2.15%, l’S&P500 l’1.69%, il Nasdaq l’1.6%, mentre il Russell2000 un corposo -2.81%.

Tra gli ETF da segnalare FFTY (-1.8%) e BOUT (-1.2%) in negativo. In rosso anche IGV (-2.5%) e SMH (-0.4%). Ritracciano anche XME (-0.6%), PAVE (-2.5%) e JETS (-2.6%). -2.2% per XHB. Male XLE (-1.75%) e XLF (-1.2%). ARKK ha lasciato sul terreno il -3.7%, tagliando ancora una volta a ribasso le SMA200D e SMA50D. Nuovamente sotto la SMA50D anche ARKG.

Nel complesso Dow, S&P500 e Russell2000 hanno chiuso in negativo per cinque sessioni consecutive, mentre il Nasdaq per tre. Particolarmente negativa la price action di Giovedì e Venerdì che ha mostrato chiusure sui minimi di giornata. Dow e Russell2000 nuovamente sotto la SMA50D, mentre l’S&P500 si trova adesso sotto la EMA21D non lontano dalla SMA50D, ma anche dai massimi storici. Il supporto dinamico ha invece resistito sul Nasdaq.

Le growth stock hanno seguito il ritracciamento, ma in linea di massima senza intaccare in modo troppo pesante la crescita partita dai minimi del 19 Agosto.

Il ritracciamento ha quindi permesso ad alcuni leader di prendere una pausa, ad altri di continuare la costruzione di basi. Prima di incrementare l’esposizione però sarebbe meglio attendere un rimbalzo da un’area di supporto (ad esempio mobile) in maniera simile a quanto successo a fine Agosto.

 

  • FINESTRA MACRO-GEOPOLITICA

Le ultime settimane hanno portato in dote numerosi downgrade da parte degli economisti sul PIL del 3Q2021 e dell’intero anno. Una ricerca su 71 firm di investimento ha riportato una stima di crescita del PIL pari al 6% (la più elevata dal 1984), sotto la stima del 7% pubblicata a fine Luglio. Le incognite sono ancora una volta una possible descrescita della domanda causa COVID-19 e disfunzioni nella supply-chain globale.  Il mercato non sta ignorando queste potenziali minacce: l’S&P500 ha beneficiato soprattutto della crescita delle megacap e da Luglio in poi della performance delle utilities. Anche le reazioni positive degli investitori agli annunci delle linee aeree sul calo delle prenotazioni indica che in realtà la notizia era stata già scontata, e non è arrivata come un fulmine a ciel sereno.

 

  • TERMOMETRO TPRI

Il Fear&Greed Index scende a quota 34, indicando la paura come sentiment prevalente. Una settimana fa il valore era pari a 54.

 

 

Divergenza $NAAR50 vs $COMP: calo della percentuale di titoli che prezzano   sopra la SMA50 in linea con la discesa dell’indice.

Put/Call Ratio=0.99 (vs 0.89): Indicatore contrarian che compara il numero totale delle put tradate giornalmente con quello delle call. Valori sopra 1.2 indicano possibili bottom, mentre valori estremamente bassi indicano l’accumulo di opzioni call da parte dei retail, e quindi una “eccessiva” euforia  con possibile ritracciamento in arrivo.

CBOE Volatility Index: 20.95

 

 

  • I PROTAGONISTI

AAPL: prezzo di nuovo in area di consolidamento in prossimità della SMA50D/SMA10W. Un rimbalzo potrebbe offrire un’opportunità di ingresso, ma il bearish reversal settimanale e i volumi elevati del sell-off di Venerdì lasciano aperti alcuni interrogativi. L’azienda renderà pubblici gli ultimi modelli di iPhone e Apple Watch Martedì. Il Giudice Gonzalez-Rogers ha emesso una sentenza molto importante nella burrascosa vicenda Apple vs Epic Games, che afferma che all’azienda di Cupertino non è più consentito  vietare agli sviluppatori l’inserimento di link che se usati allontanino gli utenti dallo store ufficiale.

GOOGL: -2% per Google e prezzo in area EMA21D, che ha svolto il ruolo di supporto per molti mesi.

EA: prezzo in prossimità di un buy point sui $149.03, o $147.86 prendendo in considerazione il pivot di una handle.

TSLA: terza settimana consecutiva in positivo per Tesla, ancora in range da un entry aggressivo sui $730. Forza relativa ai massimi da Aprile. Sabato l’azienda ha rilasciato la v.10 del Full Self-Driving Software, che ha detta di Musk dovrebbe “blow your mind”. Quello che è certo è che questo tema sarà il nuovo terreno di scontro tra orsi e tori.

 

  • TRIMESTRALI

 

  • COSA FARE?

Uptrend ancora una volta confermato, ma dopo la potente corsa delle growth delle ultime settimane una pausa non appare impossibile. È buona regola prendere parte dei profitti e tagliare le perdite ancora prima che raggiungano la soglia limite, se vi è la possibilità. Il ritracciamento potrebbe dare vita a basi interessanti, pertanto ricorda di mantenere le tue watchlist aggiornate.

 

AZIONARIO USA

Chiusura settimanale indici:

Nasdaq  1.61%

S&P500 -1.69%

Dow Jones -2.15%

Russell 2000 -2.81%

 

⭕ Percentuale Titoli > SMA200D 11/09/2021

La percentuale dei titoli S&P500 scambiati sopra la loro media mobile a 200 periodi è pari al 73.35%, sul Nasdaq100 il 75.00% dei titoli prezza sopra lo stesso indicatore, mentre sul NYSE la percentuale è pari al 60.38%.

 

⭕ Nuovi MAX 52 settimane 11/09/2021

Di seguito i titoli che hanno creato un nuovo massimo a 52 settimane, e stanno sovraperformando l’indice di riferimento S&P500.

Questi titoli mostrano una forza relativa maggiore rispetto all’indice e vanno quindi seguiti con attenzione in un’ottica long.

URA

AR

TGP

COOP

MDXG

CMRE

CNI

GSL

CCJ

ALEX

BILL

DT

EVH

GDYN

MDB

NOW

NTNX

PRFT

SE

TEAM

 

⭕ Market Leaders 11/09/2021

Passiamo ora alla lista di azioni filtrate con il criterio FnRzt: 

IRDM

BGFV

KIRK

ACI

CODI

BAX

HRC

INMB

LGND

CNI

ERII

ASH

CCJ

GLPI

MPW

AMBA

ASAN

DSPG

GWRE

MDB

NTNX

PD

PLAN

SMTC

 

⭕ Asset allocation e analisi settoriale 11-09-2021

Asset Allocation

 

 

Forza e Momentum Settori S&P500


LEADING: Health Care, Technology

WEAKENING: Communication Services, Real Estate

IMPROVING:  Consumer Discretionary, Utilities

LAGGING: Materials, Industrial, Consumer Staples, Energy, Financial

 

Value vs Growth

 

 

Value vs Growth  (size)

 

⭕Weekly Performance Settori & Top10 Industrie 11-09-2021

 

-Consumer Discretionary top sector con un RoC_5,D del -0.33%

-Real Estate bottom sector con un RoC_5,D pari a -3.88%

 

Analisi azioni: Top 10% Market Movers S&P500 10/09/2021

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214