Mercati pronti a buttar fuori le mani deboli

Condividi il post


Analisi e Video Analisi del mercato azionario
1 Novembre 2021

Mercati pronti a buttar fuori le mani deboli

(Clicca sull'immagine qui sotto per vedere la video analisi)

 

⭕ Analisi del mercato: azionario USA

PANORAMICA

Nuovi massimi per Nasdaq, S&P500 e Dow, in una settimana caratterizzata  dalla pubblicazione di numerose trimestrali di peso.

Non sono mancati dei tentennamenti a metà percorso, ma alla fine il Nasdaq si è aggiudicato la medaglia d’oro con un +2.70%,seguito dall’S&P500 (+1.33%). Indietro il Dow (+0.40%) e il Russell2000 (+0.26%).

Alcuni nomi come XPEV, EW e GOOGL si trovano in o prossimi ad aree d’acquisto.

  • FINESTRA MACRO-GEOPOLITICA

Dolcetto o scherzetto? Dopo mesi e mesi di gossip sulla decisione di tapering da parte della FED, i policymakers concluderanno una riunione splittata in due giornate Mercoledì, accordandosi sul taglio del programma di acquisto mensile di asset. Il taglio vero e proprio dovrebbe partire a fine anno, e gli $80bn mensili in Treasury e i $40bn di mortgage securities garantite dallo Stato si ridurranno a zero entro metà 2022. Il prossimo punto nell’agenda della banca centrale sarà poi il taglio dei tassi.

Premesso che non possiamo mai sapere come il mercato reagirà ad una notizia macro di questo tipo, la decisione non sarà certo una sorpresa. Anzi, visti i timori e le conferme sempre più frequenti su un’inflazione persistente, gli investitori potrebbero addirittura benedire l’introduzione di politiche monetarie più restrittive.

L’Indice Manufatturiero Cinese è sceso di 0.40 punti a 49.2 ad Ottobre, peggio rispetto alle aspettative e sotto il livello benchmark dei 50 punti. Hanno pesato i blackout elettrici e il rialzo dei prezzi delle commodities.

Rendimento del T-10yrs in ritracciamento all’1.56%, mentre quello del T-2yrs, più influenzato dalle decisioni FED è salito, non mantenendo però i massimi intraday di Mercoledì.

 

  • ANGOLO DEGLI ETF

Fra gli ETF FFTY ha guadagnato l’1.9%, mentre BOUT è salito dello 0.9%. Bene anche IGV (+1.35%) e SMH (+2.4%).

Nonostante il momento positivo dell’industria dell’acciaio XME ha perso il 2%, in rosso come JETS (-1.7%), XLE (-0.9%) e XLF (-0.9%). In positivo XHB (+0.5%) e PAVE (+0.9%).

Settimana positiva per ARKK (+3%) e ARKG (+0.3%).

 

  • I PROTAGONISTI

EW: rimbalzo dalla SMA50D e rottura di una trend line con volumi elevati che ha offerto una possibilità aggressiva all’interno della base. L’azienda ha rilasciato una trimestrale non entusiasmante Mercoledì che ha dato il via allo shakeout di Giovedì. Potenziale ingresso classico sui $123.37. 

 

GOOGL: gli earnings positivi hanno supportato il rialzo del gigante tech che ha guadagnato il 7.6% a $2960.92, appena sopra il pivot della flat base sui $2925.17. L’azienda è vicinissima a raggiungere i $2trilioni di capitalizzazione.

XPEV: il rivale di Tesla Xpeng ha guadagnato l’8.1% nonostante il leggero pullback nella seconda parte della settimana e ha chiuso poco sopra il buy point sui $48.08. Pivot alternativi sopra i massimi di Martedì e sulla rottura della simil-handle. I dati sulle consegne degli EV nel mese di Ottobre potrebbero essere un catalizzatore per la price action di XPEV, Li Auto e NIO.

 

  • ANALISI DEL TREND

Qualche sobbalzo durante la settimana per il rally  di mercato, soprattutto con i reversal di Martedì e Mercoledì arrivati in concomitanza con la resistenza sui massimi incontrata dal Nasdaq e qualche breakout fallito.

Le tensioni hanno interessato in maniera minore chi aveva cominciato a costruire posizioni nella fase iniziale del rally, ancor più grazie ai nuovi rialzi di Giovedì. Il tech nel complesso ha cancellato il nervosismo per le trimestrali deboli di AMZN e AAPL.

I titoli su nuovi massimi stanno decisamente battendo in numero quelli su nuovi minimi.

Gli indici principali hanno chiuso la quarta settimana consecutiva in rialzo e numerosi titoli hanno offerto rotture bullish, spesso all’interno delle basi. Il rally potrebbe quindi proseguire, ma non sarebbe  una sorpresa vedere il mercato tirare un po’ il fiato. Non sarebbe un fatto negativo in sé, ma anzi potrebbe permettere ai leader ormai troppo estesi di offire nuove opportunità di ingresso sulle medie mobili oppure con la costruzione di handle.

Stagione degli earnings sempre attiva: in questi giorni toccherà a casinò, produttori di fertilizzanti, operatori dell’industria shale e del solare. In uscita anche il report sul mercato del lavoro a Ottobre (5 Novembre).

 

  • TRIMESTRALI

01/11/2021: ON

02/11/2021: PFE, CRSR, Z

03/11/2021: CVS, EXPI, ROKU

04/11/2021: SQ

05/11/2021: DKNG, CGC

 

  • COSA FARE?

Continua a lavorare sulle tue watchlist, alla ricerca di setup in via di definizione, non soltanto a livello di singoli titoli, ma anche come industria. Alcuni nomi del settore sanitario come DXCM, INMD e EW hanno dato segni di risveglio ultimamente.

Ricorda di rimanere molto disciplinato, i breakout e i guadagni ancora “virtuali” potrebbero svanire nel caso il mercato decidesse di tirare il fiato.

 

AZIONARIO USA

Chiusura settimanale indici:

S&P500: +1.33%
Dow Jones: +0.40%
Nasdaq: +2.70%
Russell2000: +0.26%

 

  • TERMOMETRO TPRI

Il Fear&Greed Index sale a quota 72, indicando l’avidità come sentiment prevalente. Una settimana fa il valore era pari a 67.

 

 

Divergenza $NAAR50 vs $COMP:  aumento della percentuale di titoli che prezzano   sopra la SMA50  rispetto alla settimana precedente, in linea con il rialzo dell’indice.

Put/Call Ratio=0.87 (vs 0.83): Indicatore contrarian che compara il numero totale delle put tradate giornalmente con quello delle call. Valori sopra 1.2 indicano possibili bottom, mentre valori estremamente bassi indicano l’accumulo di opzioni call da parte dei retail, e quindi una “eccessiva” euforia  con possibile ritracciamento in arrivo.

CBOE Volatility Index: 16.26

 

 

⭕ Percentuale Titoli > SMA200D 30/10/2021

La percentuale dei titoli S&P500 scambiati sopra la loro media mobile a 200 periodi è pari al 72.09%, sul Nasdaq100 il 66.00% dei titoli prezza sopra lo stesso indicatore, mentre sul NYSE la percentuale è pari al 60.13%.

 

⭕ Nuovi MAX 52 settimane 30/10/2021

Di seguito i titoli che hanno creato un nuovo massimo a 52 settimane, e stanno sovraperformando l’indice di riferimento S&P500.

Questi titoli mostrano una forza relativa maggiore rispetto all’indice e vanno quindi seguiti con attenzione in un’ottica long.

ERX

FCG

GUSH

LIT

PXE

XLY

XOP

CAR

SEAS

TSLA

SMPL

AR

BCEI

CVI

DEN

EOG

IMO

MGY

MTDR

OXY

RRC

SM

ARES

IBN

AUPH

AQUA

BLDR

PWR

R

TGH

OLN

O

VER

AMBA

MDB

NET

 

 

⭕ Market Leaders 30/10/2021

Passiamo ora alla lista di azioni filtrate con il criterio FnRzt: 

BE

BKKT


⭕ Asset allocation e analisi settoriale 30-10-2021

Asset Allocation

 

 

Forza e Momentum Settori S&P500


LEADING: Financial, Consumer Discretionary

WEAKENING: Real Estate, Technology

IMPROVING: Energy

LAGGING: Materials, Industrial, Communication Services, Utilities, Consumer Staples, Health Care

 

Value vs Growth

 

 


Value vs Growth  (size)

 

⭕Weekly Performance Settori & Top10 Industrie 30-10-2021

-Consumer Discretionary top sector con un RoC_5,D del +3.98%

-Financials bottom sector con un RoC_5,D pari a -0.90%

 


Analisi azioni: Top 10% Market Movers S&P500 29/10/2021

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214