$NVDA diventerà un’azienda da 10 TRILIONI di capitalizzazione

Condividi il post

Anni fa, molti avevano previsto l’ascesa di questa azienda, e ora ci siamo. Tuttavia, sembra che la maggior parte degli analisti stia ancora sottovalutando ciò che Nvidia (NVDA) è in grado di offrire. L’elemento che ha sorpreso di più molti analisti in questo ultimo rapporto sugli utili non sono stati i numeri principali, ma gli annunci fatti durante la conference call con il management.

L’Importanza della Blackwell Architecture

I numeri principali non sono stati ciò che ha mosso il titolo dopo la chiusura del mercato e che ha visto Nvidia raggiungere i $1000 in post-market. Durante la chiamata, il CEO e visionario Jensen Huang ha evidenziato i punti chiave sulla nuova Blackwell Architecture che non è una GPU ma una vera piattaforma, come ha definito lo stesso Huang. L’architettura Hopper ha portato la società dove è OGGI a un tasso annualizzato di 90 miliardi di dollari nel settore dei data center ma guardando al FUTURO, gli analisti volevano sapere cosa avrebbe mantenuto l’estensione del titolo, e la risposta è nella Blackwell Architecture.

 

La Blackwell Architecture, composta dai modelli B100 e B200, migliora notevolmente la memoria e introduce Nvlink e GBE Gbps 200, che combinano 72 GPU per un computer exascale. Questa architettura supererà quella Hopper, con un ramp-up completo previsto per il quarto trimestre. Questo annuncio da solo ha fatto invertire il prezzo delle azioni dopo la chiusura del mercato.

Attualmente, i data center costituiscono circa l’85% delle entrate totali. Ci aspettiamo che questo segmento cresca fino a 200 miliardi di dollari entro la fine del 2025. Il team di gestione ha insinuato che ciò potrebbe accadere poiché la Blackwell sarà distribuita con oltre 100 OEM, rispetto ai 50 di Hopper. Questo ha alimentato una forte reazione positiva del prezzo delle azioni.

Un altro punto chiave è che Nvidia sta accorciando il suo ciclo di produzione da due anni a uno. Non avevano mai fatto questo prima, ma è importante per continuare a crescere su una base già fenomenale.

Competizione e Crescita dei Ricavi

Nvidia è leader nel settore del training delle GPU, mentre AMD è leader nel design e potrebbe competere nel mercato dell’inferenza, grazie ai suoi progetti che raddoppiano la memoria. Sebbene AMD abbia qualche spazio per guadagnare quote di mercato, si prevede però che avrà non più del 10-25% del mercato GPU entro il 2030.

Molti investitori si preoccupano della decelerazione della crescita dei ricavi. Tuttavia, la crescita organica continua a fluire nei margini e nei profitti netti. Inoltre, Nvidia ha una storia di revisioni intra-trimestrali. Anche con una crescita dei ricavi decrescente e un P/E sopra le medie di mercato, la società è valutata in modo equo oggi  con una crescita dei ricavi del 300% e degli utili del 600%. Con le revisioni al rialzo dovute a Blackwell, prevediamo che il prezzo continuerà a salire.

Qualcomm (QCOM)

Qualcomm potrebbe avere un breve periodo di vantaggio con i PC basati su tecnologia ARM fino alla fine dell’anno, ma AMD e Nvidia sono pronte a rilasciare i loro PC ARM nel primo trimestre del 2025. Qualcomm dovrà competere con le due principali società nel mondo della potenza di calcolo. 

Conclusioni e Proiezioni

Nvidia continua a mostrare una crescita impressionante e un’innovazione costante, con la Blackwell Architecture pronta a superare le aspettative. Anche se la concorrenza si intensifica, la società è ben posizionata per mantenere la sua leadership nel mercato dei data center e oltre.

Crediamo che Nvidia potrebbe raggiungere un valore di mercato minimo di 10 trilioni di dollari entro il 2030. Questo è solo l’inizio di un’opportunità di investimento multi-generazionale.

Ogni lunedì alle 19:00, il team del T/P Reasearch tiene un webinar per trader e investitori per discutere come navigare nel mercato in generale, nonché le operazioni di acquisto, gestione e vendita di azioni e dei temi caldi del mercato. Per saperne di più, clicca qui.

– Gian

Nota bene: TP Research conduce ricerche e trae conclusioni per il portafoglio aziendale. Condividiamo quindi queste informazioni con i nostri clienti. Questo non garantisce le prestazioni di un titolo e non costituisce un consiglio finanziario. Consulta il tuo consulente finanziario prima di acquistare qualsiasi azione delle società menzionate in questa analisi.

Gian Massimo Usai
CEO, Co-Founder e Head of Research
 
Trend Positioning Research

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214