$NVDA: perché in realtà a $1000 “costa poco” e comprarla oggi significa comprarla “presto e sottovalutata”

Condividi il post

Come sai, penso che $NVDA sarà entro il 2030 l’azienda più grande al mondo con una capitalizzazione di 10 trilioni di dollari.

 

Ho spiegato alcuni motivi in questo articolo.

 

$NVDA: perché in realtà a $1000 “costa poco” e comprarla oggi significa comprarla “presto e sottovalutata”, NON tardi!

 
 
Nel 2010 tutti dicevano “Microsoft” non è più quella di una volta. Da allora ha chiuso un solo anno in negativo ed è salita centinaia di migliaia punti percentuale.
 
Google fu vittima della stessa credenza. Il risultato? Molto simile a Microsoft. Il 75% degli anni post 2010 chiusi in posotoivo e una crescita di centinaia di migliaia punti percentuale.
 
Stavolta è il turno di Nvidia. Vittima della stessa credenza.
Perché credo sia un errore? Lo spiego in questo video.
 

 

$NVDA: VERA FOMO O SOLO PERCEZIONE?

 
Un pò di dati oggettivi, ma prima la risposta.
 
La risposta è che NO, non c’è nessuna FOMO.

Per chi non lo sapesse la FOMO, acronimo di “Fear of Missing Out” (paura di perdersi qualcosa), nei mercati azionari è una sensazione di ansia o urgenza che spinge gli investitori a comprare azioni per paura di perdere un’opportunità di guadagno. Questo avviene quando gli investitori vedono un’azione che sta salendo rapidamente di valore e temono di rimanere fuori dal profitto se non comprano subito.
 
In pratica, la FOMO porta gli investitori a prendere decisioni affrettate e basate sulle emozioni piuttosto che su un’analisi razionale e ponderata. Questo comportamento può far sì che comprino a prezzi alti, spesso poco prima che il valore delle azioni scenda, causando potenziali perdite.
 
Esempio: Supponiamo che vedi un sacco di notizie e post sui social media su un $NVDA che sta salendo molto velocemente. Inizi a sentire che, se non compri subito, perderai una grande opportunità di guadagno. Anche se non hai fatto molte ricerche su quella compagnia, compri comunque le azioni spinto dalla paura di rimanere fuori. Questo è un classico caso di FOMO.
 
Quindi, perché $NVDA NON è un caso di FOMO?

Andiamo in ordine.

In questo sondaggio il 29% delle persone ha detto che dalle proprie percezioni intorno alla vostra “cerchia” (conoscenti o fonti che siano) $NVDA è in “Grande FOMO”.
 
Il 71% ha detto di no.
 
 
 
Nessuno ha ragione o torto, nel senso che se voi percepite questo è così e basta, non è giudicabile.
 
Io per esempio, che sicuramente ho fonti di un certo tipo, so con certezza assoluta che non c’è NESSUNA FOMO.
 
Ma cosa dicono i dati oggettivi?
 
Ce ne sono almeno 3, e tutti vanno nella stessa direzione.

 
 
  • Su 736.443 portafogli SOLO IL 18% ha NVDA in portafoglio
  • Il sentiment sul titolo indica 27, nonchè negativo ovvero RIBASSISTA
  • “Solo” 7000 fondi istituzionali hanno $NVDA in portafoglio
 
 
Per darti un’idea, Microsoft è nel portafoglio di oltre 10.000 fondi, quindi oltre il 50% rispetto a $NVDA.
Ha un P/E di 37 (era 27 un anno fa).
 
Nell’ultimo anno la crescita media del fatturato è stata del 13.97% e negli ultimi 5 anni del 13.09%.
 
La traduzione di tutto questo è che nessuno ha più spazio per MSFT in portafoglio, eppure è cresciuta, con questi numeri, del 100% in un anno.
 
$NVDA, d’altro canto, è nel portafoglio di oltre 7000 fondi.
 
Ha un P/E di 59 e PE Forward di 41 e un Floatante di 2.5 miliardi (molto più facile far crescere il titolo rispetto ad averne 7 miliardi).
 
Nell’ultimo anno la crescita media del fatturato è stata del 125.85% e negli ultimi 5 anni del 38.64%.
 
La traduzione di tutto questo è che $NVDA non solo è sottovalutata, ma è anche “sottoposseduta” dalle istituzioni e di certo NON IN FOMO.
E questa NON è un opinione.

Negli ultimi 5 trimestri, i ricavi dei data center di $NVDA sono cresciuti del 527%.
L’utile netto annuale è cresciuto del 640%.
Su base annua, il prezzo delle azioni di $NVDA è salito del 248%, non in linea con la crescita degli utili netti.
 
Tutto il guadagno del titolo $NVDA negli ultimi 12 mesi è derivato dalla crescita degli utili, non dall’espansione dei multipli.
 
 
 
Ergo, dire che $NVDA costa troppo è sbagliato.
 
Ovviamente questo NON vuol dire che vada comprata a occhi chiusi e che non possa avere dlle pause, anche lunghe, lungo la strada.
 
Ma qui parliamo di dati, e i dati parlano chiaro.

$NVDA

Ogni lunedì alle 19:00, il team del T/P Reasearch tiene un webinar per trader e investitori per discutere come navigare nel mercato in generale, nonché le operazioni di acquisto, gestione e vendita di azioni e dei temi caldi del mercato. Per saperne di più, clicca qui.

– Gian

Nota bene: TP Research conduce ricerche e trae conclusioni per il portafoglio aziendale. Condividiamo quindi queste informazioni con i nostri clienti. Questo non garantisce le prestazioni di un titolo e non costituisce un consiglio finanziario. Consulta il tuo consulente finanziario prima di acquistare qualsiasi azione delle società menzionate in questa analisi.

Gian Massimo Usai
CEO, Co-Founder e Head of Research
 
Trend Positioning Research

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214