PARTE 2: Il trader che ha trasformato 11.000 dollari in 18 milioni in 18 mesi – Come trovare i titoli leader

Condividi il post

Come trovare i leader

 

Torniamo all’intervista di Zanger. 

 

Nella prima parte di questo articolo (Puoi leggerla QUI) abbiamo conosciuto Dan Zanger e le sue fantastiche performance alla fine degli anni ’90 e abbiamo visionato i punti proncipali della sua filosofia.

Oggi andiamo nel pratico e parliamo di come trovare questi titoli leader, o outlier, come ci piace chiamarli in casa Trend Positioning.

 

Va bene abbiamo capito che bisogna entrare nei titoli azionari leader, ma come si fa a trovarli?

 

Volumi esplosivi

 

Ogni giorno Zanger – all’epoca dell’intervista – seguiva circa 60 titoli su eSignal (ndr. una piattaforma a metà tra TC2000 e TradingView che ho usato personalmente fino al 2019), senza grafici.

Esatto, senza grafici.

Ma solo per ora.

 

In particolare, Zanger cerca le impennate di volume e vuole vedere come il prezzo risponde a tali impennate.

 

L’idea di fondo è che uno dei maggiori indizi per capire se quel movimento di prezzo è dovuto alle istituzioni che si muovono e stanno comprando è il volume massiccio. 

 

Zanger vuole fare la sua mossa solo dopo che le istituzioni fanno la loro (parleremo più avanti dei pattern grafici). Come dice Zanger a 4:52 della seconda parte del video che trovi QUI:

 

“Voglio andare con le istituzioni quando loro acquistano”.

 

Per identificare queste impennate di volume, Zanger utilizza la media mobile a 20 giorni per il volume e cerca un volume relativo di almeno il 300% – anche se, come spesso accade per questo tipo di situazioni, più alto e meglio è. Questo vale per le impennate dei volumi, ma anche per la crescita degli utili.

 

I fondamentali: utili potenti e un grande prodotto globale

 

Sebbene Zanger si basi più sui dati tecnici che sui fondamentali nel suo trading (forse 70% contro 30%, ma non ha una formula fissa), ritiene che i fondamentali siano un altro pezzo importante del puzzle.

In particolare, vuole che l’azione abbia utili potenti e che l’azienda abbia un prodotto a grande distribuzione e venduto globalmente.

 

Per quanto riguarda gli utili, Zanger vuole che crescano almeno del 50%, ma ancora una volta, più sono alti, meglio è.

Nel corso dell’intervista, Zanger ha anche detto che non comprerebbe un’azione con una crescita degli utili di appena il 25% o giù di lì, anche se ha un buon andamento grafico, perché ritiene che il titolo non abbia alcuna possibilità di andare avanti.

 

Vuole inoltre che l’azienda domini il suo spazio, ovvero la sua industria, su scala globale. Ciò potrebbe significare che l’azienda venda direttamente un prodotto noto, oppure che produca un componente critico per un prodotto globale di un’altra azienda.

 

Entrambi i punti si riducono, come dico spesso ai nostri clienti, a non acquistare “titoli a caso” (soprattutto nel contesto dell’analisi del tema, ma sopratutto in tema RAPTOR guardiamo tantissimo anche noi i fondamentali).

Durante l’intervista, Zanger ha spiegato che i dati tecnici e i fondamentali, nei titoli leader, tendono ad andare di pari passo. Se un titolo sta facendo movimenti esplosivi, con buoni pattern grafici, spesso anche i fondamentali sottostanti sono buoni.

 

Ad onor del vero, negli ultimi anni abbiamo visto molti titoli fare grandi movimenti senza avere alcun dato fondamentale, per questo è importante capire i temi che trattiamo all’interno del trader RAPTOR. Le sfumature sono davvero tante e si tratta più che altro di comprendere le stime future e quale tema sta attirando soldi istituzionali.

Come ripetiamo quotidianamente è fondamentale comprendere quale tema sta guidando il mercato.

Combinando queste informazioni con i dati tecnici si può approfondire notevolmente la propria convinzione e migliorare i propri risultati.

 

Azioni ad alto prezzo

 

Zanger ha anche detto che non ha mai guadagnato fino a quando non ha smesso di comprare azioni a basso costo e si è concentrato sull’acquisto dei titoli più costosi del mercato.

Spesso trader e investitori confondono il concetto di alto prezzo con alta capitalizzazione.

La sovraperfomance rispetto al mercato passa anche da questa fine ma fondamentale differenza.

Comprare un titolo che non è una penny stock mentre il titolo fa parte delle small o mid cap e si appresta a diventare potenzialmente une mega-cap è la salsa segreta per battere il mercato.

Comprare un titolo ad alto prezzo che fa parte delle mega-cap è la ricetta per la mediocrità.

 

Per citare le sue parole al minuto 14:20 della seconda parte:

 

“Quando questi titoli salgono e iniziano a correre, puoi semplicemente investire i tuoi soldi in essi. Comprerete meno azioni, ma avrete davanti a voi il vostro titolo da cento per cento”.

“Quando Google è passata da 200 a 300 dollari, si tratta di una corsa del 50%. [E se siete a margine, avete guadagnato il 100% dei vostri soldi.

“Ora, se il titolo si trasforma e inizia a crollare, potreste perdere il 3% o il 4% del vostro denaro.

“Quindi il rapporto rischio/rendimento è enorme sui titoli costosi, e questi sono i veri titoli di qualità che fanno grandi salite, per lunghi periodi di tempo”.

Un’altra ragione per cui spesso si preferisce concentrarsi sui titoli ad alto prezzo è che questi tendono ad essere i nomi più liquidi che gli istituti finanziari considerano di acquistare.

 

Aziende relativamente giovani

 

Un’altra caratteristica importante dei grandi leader e che Zanger cerca si tratta di titoli poco posseduti.

In pratica, ciò significa spesso cercare società giovani e IPO (relativamente) recenti. Un buon esempio, all’epoca di questa intervista (2005), era Google, di cui parleremo in dettaglio più avanti.

 

L’idea è che le istituzioni non possiedano ancora questi nomi. Se lo fanno, non c’è la pressione d’acquisto necessaria per far compiere a questi titoli movimenti esplosivi.

 

Questo è in netto contrasto con i titoli più vecchi e conosciuti che hanno già fatto la loro storia. Che hanno già saturato il mercato con i loro prodotti.

In questa intervista, Zanger ha citato come esempio Cisco.

Non ha senso possedere questi titoli, perché la barca è già completamente carica.

 

In sostanza, Zanger è alla ricerca di aziende relativamente nuove che dominano il loro spazio. I nuovi attori globali che stanno cambiando l’intero spazio in cui operano – come Google e TASER a suo tempo (n.d.r. oggi AXON)  – e che stanno costringendo i loro concorrenti a cercare di raggiungerli. Non gli attori globali che hanno già cambiato la loro industria, e tutti lo sanno.

 

L’esempio di Google

 

 

Google ($GOOG) è stato un grande vincitore per Zanger:

 

“Google è stato il mio grande vincitore, e ho investito moltissimi dei miei soldi in Google – una quantità straordinaria di soldi.

“In sostanza, si tratta di un’azienda poco conosciuta, poco posseduta, ma tutti usano Google per la ricerca, rivoluzionando il modo in cui guadagna denaro, tanto che gli altri concorrenti stanno cercando di recuperare terreno.

“È questo che si vuole: un titolo che sia il leader dominante, gli utili sono esplosivi […] sono aumentati del 100%, 120%, 140%, i ricavi sono aumentati del 90%, 95%, 110%.

Ecco un’azione poco conosciuta, poco posseduta: le istituzioni devono entrare e iniziare a comprarla. E quando le comprano, alimentano i prezzi delle azioni, le azioni salgono. E a quel punto la CNBC e altre emittenti fanno un ottimo lavoro nel promuovere il titolo, dicendo che è sopravvalutato, il che porta gli operatori ad andare short.

I clienti si sentono dire che è sopravvalutato e quindi, invece di fare i compiti a casa, si buttano a capofitto a vendere il titolo.

Questo contribuisce ad alimentare il titolo; mentre sale, loro si devono ricoprire delle loro posizioni alimentando ulteriormente il prezzo verso l’alto.

 

“Quindi è un clima ideale, Google è stato un grande vincitore per me. Sono entrato in Google in tre grandi swing e i soldi che ho guadagnato sono stati a dir poco enormi. È stato davvero enorme”.

Credo che la citazione di cui sopra spieghi bene il “carburante” fondamentale e le caratteristiche da cercare:

 

  • Guadagni e ricavi esplosivi.
  • Leader dominante nel proprio settore, al punto da cambiare il campo e costringere i concorrenti a cercare di recuperare.
  • L’IPO nel 2005 era relativamente recente, quindi la proprietà istituzionale non era ancora massiccia (cioè la barca è ben lontana dall’essere completamente carica da un lato).
  • Gli “short suckers” che cercano di vendere il momentum e finiscono per essere costretti a coprire in perdita
 
Per oggi ci fermiamo qua, inizia subito ad implementare le informazioni di questa seconda parte. Nella prossima parleremo di Position Sizing, pilastro fondamentale del RAPTOR e di Dan Zanger

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214