Robinhood: da meme stock a Big Cap profittevole. Il “Mondo Nuovo” dei broker online

Condividi il post

 

Con la deregolamentazione delle commissioni di intermediazione del 1° maggio 1975, Charles Schwab emerge come leader di fatto di una rivoluzione ancora in atto. In poco più di un decennio, la sua società sfida la saggezza convenzionale aprendo quasi 100 filiali, offrendo quotazioni 24 ore su 24 ed esplorando persino i servizi online: l’azienda diventa il “più grande broker d’America” e successivamente una filiale di Bank of America.

 

Vent’anni più tardi i broker di trading e investimento online sono stati un tema molto caldo grazie al boom tecnologico e dei titoli tecnologici negli anni ’90.

Schwab, ticker $SCHW, era il leader del tema, con una quota di mercato più che doppia rispetto al concorrente più vicino, E*Trade.

Ameritrade e TradeStation erano i membri “di qualità inferiore” del gruppo, ma hanno comunque fatto passi da gigante.

 

A mio avviso, la differenza tra un trader e un investitore (sottolineando che si può essere ENTRAMBI senza conflitto di interesse) è il peso che si da all’analisi fondamentale del titolo, alla comprensione del tema all’interno del quale si muove e la business story.

I setup sono solo un buon punto di ingresso a basso rischio. Ma la cosa più importante per un investitore è sapere COSA comprare, subito dopo viene QUANDO comprare. Capire il motivo dei grandi movimenti e avere una ragione per cui essi continuino a salire ti darà la convinzione di mettere in gioco i tuoi risparmi quando si presenterà l’occasione (Il setup, appunto).

 

Se torniamo indietro di 2 milioni di anni, quando l’Homo erectus apparve in Africa e guardiamo alla nostra evoluzione, le storie sono la parte cruciale di essa, per questo nei mercati succede sempre la stessa cosa. I titoli caldi in settori caldi che hanno un motivo per essere acquistati (che sia logico o meno) sono spesso quelli che offrono le operazioni a più alta probabilità. E questa unione, fra analisi fondamentale e analisi tecnica, è ciò che in Trend Positioning Research chiamiamo Tema Caldo.

 

Ogni giorno alle 15:15, il team del T/P Reasearch tiene un webinar per trader e investitori all’apertura dei mercati  per discutere come navigare nel mercato in generale, nonché le operazioni di acquisto, gestione e vendita di azioni e, a ppunto, dei temicaldi del mercato. Per saperne di più, clicca qui.

– Gian
 

 

Negli anni ’90 Charles Schwab era di gran lunga il principale broker di trading online. Era anche il più grande venditore di fondi comuni di investimento del paese. Con il più grande mercato toro della storia che imperversava in tutto il Paese, il numero di americani che volevano investire il loro denaro extra o tentare la fortuna con il trading sui mercati è salito alle stelle nel corso del decennio.

Tuttavia, in quel periodo il costo delle commissioni per una singola operazione presso una società di intermediazione era di 100 dollari. Si trattava di ordini effettuati presso una filiale o per telefono. Ma Schwab offriva operazioni a partire da 29,95 dollari per lotti inferiori a 1.000 azioni.

Allo stesso tempo, il tasso di adozione degli utenti di Internet stava aumentando di giorno in giorno. All’inizio degli anni ’90, un dato sorprendente che contribuì alla crescita dei loro earnings fu il rapido tasso di adozione da parte degli americani di età superiore ai 55 anni. Erano la coorte più ricca del Paese e stavano adottando l’uso di Internet in anticipo. Il numero di anziani online è aumentato del 100% tra il 1996 e il 1998 e Schwab ha iniziato a offrire una serie di servizi extra gratuiti ai clienti più facoltosi per attirarli lontano da broker istituzionali come Merryl Lynch.

 

Schwab crebbe del 660% in un solo anno e oltre il 3.000% dal 1995.

 

Potrei continuare a parlare di qesto per ore, ma non voglio tediarti con queste storie nerd. Quello che però devi capire è il perché io abbia iniziato con questa storia in particolare.

Non sono certo che sia così, ma ho come l’impressione che Vlad Tenev, CEO di Robinhood ($HOOD), conosca molto bene la storia che ti ho appena raccontato.

La loro strategia sembra infatti molto simile a quella utilizzata da Schwab: con l’adozione istituzionale del Bitcoin attraverso gli ETF si è creato di fatto un nuovo mercato, proprio come negli anni ’90 con la posibilità di investire online sui titoli azionari americani.

 

Investitori Istituzionali e Retail

 

Il motivo per cui sono partito dalla storia è che crediamo che Coinbase ($COIN) diventerà la “Schwab” dei clienti istituzionali per il loro ruolo di custodia mentre Robinhood diventerà il broker delle nuove generazioni di investitori retail.

Questo è dovuto in particolare a due motivi: Coinbase è l’azienda di custodia “ufficiale” del Bitcoin ETF. Coinbase infatti funge da depositario per otto dei nuovi ETF sul bitcoin, tra cui l’iShares Bitcoin Trust (IBIT) di BlackRock (BLK), l’ARK 21Shares Bitcoin ETF (ARKB), il Bitwise Bitcoin ETF (BITB) e Grayscale (GBTC), che ha convertito il suo trust sul bitcoin in un ETF spot sul bitcoin. 

I depositari applicano in genere una commissione per gli asset in custodia (AUC), come nel mondo della finanza tradizionale. Le commissioni AUC sono solitamente costituite da alcuni punti base sulle attività che sono state affidate in custodia.

Questo significa che da quando il 10 gennaio la SEC ha approvato il $BTC ETF e  il Bitcoin è passato da $41K a $73K, Coinbase ha guadagnato una commissione a tutti coloro che hanno acquistato, venduto e trasferito i loro bitcoin sulla piattaforma. Coinbase ha aumentato il patrimonio di criptovalute sulla piattaforma a 93 miliardi di dollari, con una variazione di 47 miliardi di dollari nell’ultimo anno.

 

 

Robinhood e Coinbase sono oggi l’app numero 7 e numero 8 fra le app più scaricate dell’App Store del settore “finanza”, al di sopra di istituzioni come American Express e  Bank of America.

 

La differenza fra i due, come detto sopra, sta nel tipo di clientela. Coinbase ha infatti fee più alte per transazione mentre Robinhood non carica nessuna commissione anche se ha costi di spread. Ma se un cliente istituzionale come Blackrock deve acquistare Bitcoin non passerà mai da Robinhood e non andrà dal signor Satoshi ma è obbligato a passare da Coinbase.

Se stai pensando che Robinhood sia un “App” solo per giovani saresti molto lontano dalla realtà e potresti rimanere deluso. Proprio come fece Schwab infatti, anche Robinhood sta attraendo clienti adulti e milionari facoltosi.

 

Guardiamo alcuni dati del primo trimestre 2024 per capire meglio.

 

La crescita del settore pensionistico ha subito un’accelerazione nel 1° trimestre, con una AUC più che raddoppiata
sequenziale a oltre 4 miliardi di dollari

 

 

Questi numeri sono dovuti, proprio come fece Schwab, alla strategia di Robinhood di attrarre persone facoltose che hanno capitali importanti presso altre istituzioni ma che cambierebbero totalmente o parzialmente in casi di condizioni vantaggiose. Il modo in cui lo stanno facendo è con l’annuncio della Robinhood Gold Card. Questa carta di credito offre un minimo del 3% di cash back su tutti gli acquisti e c’è anche una versione in edizione limitata in oro a 10 carati. Rispetto ad altre carte dove il tasso di ricompensa è tipicamente limitato dopo un certo ammontare di spesa o a una specifica categoria di acquisti (ad esempio, benzina o ristoranti), con questa carta i possessori possono guadagnare il 3% di cash back su tutti gli acquisti, senza limiti di importo.

 

Bonus dell’1% sui depositi per i membri di Robinhood Gold


Come già detto i membri di Robinhood hanno già diritto a un bonus del 3% sui depositi dei conti pensionistici (IRA) ma l’azienda si è voluta superare aggiungendo un ulteriore vantaggio: un bonus dell’1% su tutti i depositi, ancora una volta, senza limiti di importo.

 

Di fatto queslla che sembra una spesa o un premio non è altro che un costo marketing che l’azienda ha deciso di usare in maniera magistrale.

Ora se depositi 100 dollari su Robinhood e guadagni 1 dollaro non è un grande affare. Ma se hai 1 milione di euro da depositare e ottieni 10.000 dollari di bonus, la faccenda si fa diversa e interessante.

Conosco personalmente investitori che hanno messo uno o più milioni sul conto di Robinhood e con il BONUS di 10.000 dollari hanno acquistato azioni $HOOD.

 

Una situazione WIN-WIN fra clienti e azienda.

 

Di fatto oggi i membri di Robinhood Gold guadagnano di più indipendentemente da dove mettono i loro soldi, rendendo l’abbonamento mensile di 5 dollari molto più prezioso.

 

I clienti lo hanno capito, infatti gli asset sotto custodia (AUC) sono cresciuti del 65% in un anno raggiungendo il recordo di $130 miliardi.

 

 

Di questi, ben $11 miliardi derivano solo ed esclusivamente da nuovi depositi. Per capire l’importanza di questo dato devi sapere che nello stesso trimestre del 2023 i depositi furono di $4.4 miliardi, un incremento del 243% in un solo anno per la VERA metrica che conta in questa azienda.

 

Q1-2024

 

Ecco un riepilogo dei punti chiave dell’Earnings Call Q1 2024 di Robinhood, insieme alle metriche finanziarie rilevanti.

 

Numeri chiave.


Ricavi: Crescita del 40% rispetto all’anno precedente a 618 milioni di dollari.
EBITDA: Più che raddoppiato a 247 milioni di dollari.
Utile netto: È stato di 157 milioni di dollari, pari a un EPS di 0,18 dollari.
Attività in custodia: Raggiunto il record di 130 miliardi di dollari, con un aumento del 65% rispetto all’anno precedente.
Depositi netti: Hanno raggiunto il record di 11,2 miliardi di dollari, con una crescita annua del 44%.


Approfondimenti.


Focus strategico: Robinhood si sta concentrando sulla conquista del mercato dei trader e investitori attivi, sull’aumento della quota di portafoglio dei clienti e sull’espansione internazionale. (Esatto, Robinhood non è ancora disponibile in Europa, quindi i numeri possono assolutamente migliorare per anni)
Robinhood Gold: Le sottoscrizioni hanno raggiunto la cifra record di 1,7 milioni, con 260.000 nuovi abbonati aggiunti nel 1° trimestre.
Fedeltà dei clienti: Oltre il 75% dei depositi netti proviene da clienti esistenti, mentre il resto proviene da clienti che arrivano dagli operatori storici.
Momentum: Il forte slancio sta continuando nel secondo trimestre, con aprile che è stato il mese più alto per i depositi netti.


Prospettive future.


Aspettative di crescita: Robinhood mira a continuare a registrare una crescita pluriennale dei depositi netti superiore al 20%.
Espansione dei ricavi e dei margini: La crescita del patrimonio dei clienti porterà a una forte crescita dei ricavi, mentre la piattaforma scalabile consentirà una significativa espansione dei margini.


Nuovi prodotti: Gli investimenti in nuovi prodotti come la carta di credito Robinhood Gold, le opzioni sugli indici e i futures dovrebbero guidare la crescita futura.
Crescita redditività: L’azienda rimane concentrata sulla crescita redditizia e sulla massimizzazione degli EPS e del flusso di cassa  (FCF) per azione.


Metriche finanziarie.


Ricavi per il 1° trimestre 2024: 618 milioni di dollari, con un aumento significativo rispetto ai 471 milioni di dollari del trimestre precedente.
EPS per il 1° trimestre 2024: 0,18 dollari, con un notevole miglioramento rispetto al trimestre precedente (0,03 dollari).
Utile netto per il 1° trimestre 2024: 157 milioni di dollari, rispetto ai 30 milioni del trimestre precedente.


Questi dati e questi approfondimenti indicano un trimestre forte per Robinhood, con una crescita significativa nelle principali metriche finanziarie e nelle aree strategiche di interesse. L’enfasi posta dall’azienda sull’espansione dell’offerta di prodotti e sul miglioramento del coinvolgimento dei clienti sembra dare i suoi frutti, posizionandola bene per una crescita continua nei prossimi trimestri.

 

 

Robinhood ha quindi comunicato che per il primo trimestre del 2024 le aspettative per le entrate da transazioni di criptovalute erano di circa 75 milioni di dollari – $HOOD ha fatto 126 milioni di dollari.

Ora, per ottenere quei 126 milioni di dollari, Robinhood ha avuto 36 miliardi di dollari di volumi di trading e investimenti in cripto.

$COIN Coinbase nel suo recente trimestre Q1 2024 ha fatto $56B di volumi di trading e investimenti in criptovalute. Più precisamente hanno fatto 256 miliardi di dollari di trading istituzionale e  56 miliardi di dollari per i consumatori.

 

ROBINHOOD HA APPENA FATTO IL 64% DEI VOLUMI DI TRADING DI CRIPTOVALUTE DI COINBASE PER I TRADER E INVESTITORI RETAIL!

 

Forse perché le commissioni di Coinbase per le crypto sono una follia assoluta per un investitore retail e la gente comune voleva qualcosa di più economico. Non vedo nessun’altra ragione per cui la gente sceglierebbe $HOOD in modo così massiccio rispetto a $COIN, ma 36 miliardi di dollari in volumi di trading nozionale significa che MIGLIAIA DI NUOVE PERSONE hanno scelto Robinhood rispetto a Coinbase.

 

La cosa ancora più interessante è che durante la grande risalita del Bitcoin a $BTC a marzo fino a $74K Robinhood ha fatto $23B in volumi di trading di cripto in un mese.

Ecco la vera grande statistica per la quale credo che la gente stia sottovalutando il grande potenziale di questa azienda:

Robinhood ha fatto il 41% dei volumi di trading di Coinbases $COIN dell’intero Q1 in un mese.

 

Questi dati sono così promettenti e positivi che persino Tyler Radke, l’analista narcisista di Citi che solo fino a pochi trimestri fa faceva di tutto per buttare m**** su Robinhood, ha sollevato il suo target di prezzo a $25.

 

Conclusioni

L’articolo traccia un parallelo tra l’evoluzione di Charles Schwab come pioniere nella rivoluzione del trading online negli anni ’90 e il ruolo attuale di Robinhood nel panorama finanziario contemporaneo, con particolare attenzione all’espansione nel settore delle criptovalute. Questa analisi è incorniciata all’interno del contesto più ampio delle dinamiche di mercato, dell’adozione tecnologica e dei cambiamenti nei comportamenti degli investitori.

Da un lato, si sottolinea come Schwab abbia sfidato il status quo introducendo servizi online e commissioni più basse, guadagnandosi così una posizione di leadership nel settore. Dall’altro lato, si evidenzia come Robinhood, seguendo una strategia simile, stia emergendo come un importante attore nel trading di criptovalute, offrendo un’alternativa più economica rispetto a piattaforme come Coinbase.

Il passaggio dall’analisi fondamentale all’analisi tecnica e il concetto di “Tema Caldo” vengono discussi come elementi chiave per comprendere le opportunità di investimento nei mercati finanziari. Si sottolinea anche l’importanza della storia e della narrazione nel guidare le decisioni degli investitori.

Infine, l’analisi si conclude con una panoramica dei risultati finanziari di Robinhood nel primo trimestre del 2024, evidenziando una forte crescita in diverse metriche chiave e prospettive future positive per l’azienda.

In sintesi, l’articolo delinea il successo passato e presente di Schwab e Robinhood nel contesto del cambiamento tecnologico e delle dinamiche di mercato, offrendo un’analisi approfondita delle strategie aziendali e delle tendenze emergenti nel settore finanziario.

 

Un crescente interesse da parte di investitori retail meno giovani si traduce in un aumento di nuovi clienti grazie alle approvazioni del Bitcoin ETF e questo sta portando l’azienda a crescere trimestre dopo trimestre.

I commenti della dirigenza sul coinvolgimento e la conversione dei clienti attraverso un’interfaccia user friendly stabiliscono le basi per un’accelerazione sostenuta grazie a un rapido ciclo di acquisizione dei clienti e la leadership del giovane Vlad che per quanto mi riguarda sta scrivendo un’altra pagina di storia e di un mondo che cambia sempre più velocemente. Tuttavia, questo no significa buttarsi a pesce sul titolo senza saperequando comprarlo e come gestirlo.

 

Ogni giorno alle 15:15, il team del T/P Reasearch tiene un webinar per trader e investitori all’apertura dei mercati  per discutere come navigare nel mercato in generale, nonché le operazioni di acquisto, gestione e vendita di azioni e, a ppunto, dei temi caldi del mercato. Per saperne di più, clicca qui.

 

Nota bene: TP Research conduce ricerche e trae conclusioni per il portafoglio aziendale. Condividiamo quindi queste informazioni con i nostri clienti. Questo non garantisce le prestazioni di un titolo e non costituisce un consiglio finanziario. Consulta il tuo consulente finanziario prima di acquistare qualsiasi azione delle società menzionate in questa analisi. Gian Massimo Usai e il team del TP Research possiedono azioni di Robinhood ($HOO) al momento della stesura di questa analisi.

 

Gian Massimo Usai
CEO e Chief Investment Officer
 
Trend Positioning Research

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214