2023: per la prima volta l’AI negozia un contratto in autonomia.

Condividi il post

Londra, 2023. Sede di Luminance.

Per la prima volta l’intelligenza artificiale ha negoziato un contratto autonomamente con un’altra intelligenza artificiale senza alcun coinvolgimento umano. L’azienda britannica ha infatti sviluppato un proprio LLM per analizzare e modificare i contratti.

 

Contrattazioni col “pilota automatico”

Ecco la scena che si è trovato davanti l’inviato della CNBC.

Due avvocati da entrambe le parti dell’accordo: il consulente di Luminance e quello di uno dei clienti di Luminance, la società di ricerca ProSapient.

Due monitor in entrambi i lati della stanza mostrano le foto degli avvocati coinvolti, ma tutta l’analisi del contratto, dei contenuti e le raccomandazioni arrivano dall’intelligenza artificiale.

Nella simulazione i legali hanno negoziato un accordo di riservatezza (NDA) che una delle parti vuole far firmare all’altra. Gli NDA sono una corda al collo nella professione legale, non solo per i rigorosi limiti di riservatezza, ma soprattuto perchè richiedono una lunga attenta analisi.

Il software di Luminance ha prima evidenziato le clausole contestate in rosso. Queste clausole vengono poi modificate in qualcosa di più conforme, tenendo traccia delle modifiche apportate durante l’intero processo. L’AI tiene anche conto delle preferenze delle aziende su come normalmente negoziano i contratti.

Ad esempio, l’accordo di riservatezza propone un termine di sei anni per il contratto. Ma ciò va contro la politica di Luminance. L’AI riconosce ciò, quindi rielabora automaticamente l’accordo inserendo invece un termine di tre anni.

Benefici

I team legali dedicano circa l’80% del loro tempo a revisionare e negoziare documenti di routine.

Questo crea dei “colli di bottiglia” nei processi delle aziende, in quanto gli altri team come quelli commerciali si trovano a dover attendere il via libera legale prima di poter procedere con accordi e partnership. Ovvia poi la riduzione del potenziale errore umano.

Il futuro è già qui

Nell’ultimo webinar RAPTOR abbiamo approfondito il tema dell’AI, focalizzandoci su un titolo in particolare. C’è chi vede l’intelligenza artificiale come qualcosa di lontano nel futuro. In realtà questo è il momento per prepararsi a monetizzare e non arrivare in ritardo.

Se vuoi scoprire come trarre il massimo vantaggio da questa rivoluzione dovresti contattare il tuo tutor CLICCANDO QUI.

 

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214