Settimana da incubo per i mercati che si preparano a un lunedì di Halloween da paura.

Condividi il post

 

Altra settimana amara per i mercati che, ancora una volta, non ci hanno colto di sorpresa.

 

Grazie ai nostri strumenti non c’è stato il minimo dubbio che non fosse ancora tempo di tornare a mercato e i nostri clienti hanno affrontato con il massimo della calma questo momento.

 

Sembra che le mega-cap stiano arrivando al party che ha visto il resto del mercato in difficoltà per tutto questo 2023.

 

Il $QQQE, ovvero il QQQ equamente pesato ha perso il 50% dei guadagni dal bottom di Ottobre 2022 in appena 3 mesi e si appresta ad avvicinarsi al suo prossimo supporto in area 68.

 

 

 

Questa settimana abbiamo visto rompersi alcuni supporti di lungo periodo anche su SP500 e Nasdaq, che hanno permesso al prezzo di accelerare verso i prossimi livelli di supporto inferiore tutti posizionati fra il 2% e il 3%.

Tuttavia, se dovessimo vedere rompere questi livelli, c’è spazio per almeno un altro 6-8% di crollo.

È facile sottovalutare quanto sia già grande questo drawdown e che proprio per questo, al contrario di quanto detto, un rimbalzo sarebbe assolutamente possibile.

 

L’indice S&P500 equamente pesato ($RSP) è crollato nella giornata di ieri con volumi enormi.

 

Il “classico” SP500 pesato per capitalizzazione di mercato non riflette in maniera assolutamente giusta la distruzione che c’è sotto il tappeto dei mercati e ora sembra voglio andare al prossimo supporto piazzato a 130.

 

 

A livello di divergenza fra gli indici equamente pesati e gli indici pesati per capitalizzazione e in termini macro-economici c’è solo un confronto che assomiglia al mercato attuale e si tratta del 1974-1975 che è l’unico con dati simili sull’inflazione e sui di tassi d’interesse.

Se si va per un altro crollo, questa è la tabella di marcia.

Possibile recessione nel primo o secondo trimestre del 2024 e un taglio dei tassi di interesse.

 

Il mercato scenderebbe con il calo dei tassi e troverebbe il minimo grazie alla stagione delle trimestrali e (finalmente direbbe Powell) ai livelli di disoccupazione tra la fine del terzo e il quarto trimestre del 2024.

La ripresa sarebbe forte per tutti gli asset in particolare quelli speculativi, poiché l’inflazione crollerebbe, se non è già successo prima, attraverso il taglio dei tassi di interesse da parte della FED.

 

Se questo scenario si realizzasse, significherebbe che gli asset speculativi avrebbero subito una flessione maggiore di quella del 2001!

 

Andiamo al 2001

 

Se dal punto di vista di una divergenza fra gli indici equamente pesati e gli indici pesati per capitalizzazione e in termini macro-economici dobbiamo tornare al 1974-1975, dobbiamo andare al 1999-2001 per vedere un mercato guidato dalla liquidità come quello attuale.

 

Allora fu la Bolla Dot-COM, oggi è la bolla del tutto che non è mai esplosa e la liquidità rimane alta.

 

Un ETF con al suo interno titoli “simili” a quelli che hanno creato la bolla Dot-Com è ARKK.

 

$ARKK ha perso l’81,7% in 681 giorni mentre il $QQQ perse l’83,5% raggiungendo il minimo di mercato il 2 ottobre 2002 dopo 928 giorni.

 

Se $ARKK non avesse toccato il fondo, significherebbe che siamo dentro il più grande mercato ribassista dei titoli speculativi degli ultimi 25 anni e potenzialmente dal 1929 e il più grande mercato ribassista obbligazionario di sempre.

 

Ovviamente non sappiamo cosa succederà, e fino ad oggi noi e i nostri clienti abbiamo navigato in questo mercato ribassista che farà parte degli almanacchi dei mercati finanziari con grande tranquillità e risultati.

 

Se anche dovesse palesarsi lo scenario sopra descritto crediamo che sia il momento migliore per iniziare a dedicarsi ai propri soldi e non lasciarli in balia del mercato e dell’inflazione.

 

Ci saranno opportunità in grado di sovrastare qualsiasi scenario e si sta preparando un momento di opportunità mai viste dopo il 1999-2001.

Questo è il momento di studiare, di imparare e di prepararsi al prossimo rialzo.

 

Ed è quello che stiamo facendo con i clienti R.A.P.T.OR. giornalmente e settimanalmente.

Clicca QUI per saperne di più.

 

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214