Crollo del software

Condividi il post

Crollo del software nella sessione di giovedì, con gli indici in rosso dopo che il gigante Salesforce.com (CRM) è scivolato a causa di ricavi e guidance deboli. Questo ha provocato pesanti perdite a catena nel settore. Colpiti anche ServiceNow (NOW), CrowdStrike (CRWD) e Microsoft (MSFT) che ha rotto un supporto chiave.

Nvidia (NVDA) ha chiuso in rosso, interrompendo la volata post-trimestrale, a causa di report su nuove restrizioni statunitensi alle esportazioni di chip AI.

Tuttavia, le small caps e le midcaps sono rimbalzate.

Costco, Dell Technologies, NetApp (NTAP) e Marvell Technology (MRVL) hanno riportato i risultati a fine giornata. Dell è crollata durante la notte, mentre anche Marvell e Costco hanno sofferto dopo la pubblicazione.

Il rendimento del Treasury a 10 anni è diminuito di 7 punti base al 4,55%, ma è ancora in positivo per la settimana.

Nonostante tutto, breadth migliorato sugli scan R.A.P.T.OR.

 

 

Inflazione PCE in uscita

L’indice dei prezzi PCE di aprile sarà pubblicato alle 8:30 a.m. ora di New York, come parte del rapporto sui redditi e sulle spese del Dipartimento del Commercio.

Si prevede che l’indice complessivo aumenti dello 0,3% rispetto al mese precedente e del 2,7% rispetto a un anno prima, in maniera simile a marzo. Il PCE core dovrebbe mostrare un modesto incremento mensile dello 0,2%, in calo rispetto allo 0,3% di marzo. L’inflazione core dovrebbe mantenersi stabile al 2,8% rispetto all’anno precedente.

 

Indici in rosso, ma rimbalzano le small-cap

Il mercato azionario ha avuto ieri una sessione mista, con Salesforce e il settore del software che hanno pesato sui principali indici, nonostante le small cap e altri settori abbiano registrato progressi.

Il Dow Jones è sceso dello 0,86%, con CRM a guidare il calo. L’S&P500 è scivolato dello 0,60%, appena sotto la sua EMA21D. Il Nasdaq ha perso l’1,08%.

Nel frattempo, il breadth è apparso in miglioramento.

Il Russell2000 è balzato dell’1%, tornando sopra la SMA50D. Anche l’S&P MidCap 400 ha guadagnato lo 0,93%,%, appena al di sotto della media a 50 giorni.

L’Invesco S&P500 Equal Weight ETF (RSP) è avanzato dello 0,46%, anche se è ancora sotto la SMA50D. Il First Trust Nasdaq 100 Equal Weighted Index ETF (QQEW) è sceso dello 0,41%, e ora si trova leggermente sotto la SMA50D.

 

Software in rosso

Tra gli ETF growth, l’iShares Expanded Tech-Software Sector ETF (IGV) è crollato del 5,8%, scendendo sotto la SMA50D per la prima volta da marzo 2023.

Il settore in generale ha subito un duro colpo  dopo che Salesforce, Nutanix (NTNX) e Okta (OKTA) sono state colpite da vendite intense a seguito dei risultati e delle guidance.

Salesforce è crollata del 19,7%, Nutanix è precipitata del 23,1% e Okta ha invertito la rotta scendendo del 7,8%.

ServiceNow è scesa del 12% toccando un minimo a sei mesi. CRWD ha perso il 9,6% (l’azienda di cybersecurity pubblicherà la propria trimestrale a breve).

Microsoft è arretrata del 3,4%, scendendo sotto la SMA50D. Male anche le altre megacap: Nvidia (NVDA) è scesa del 3,8%, Meta Platforms (META) e Amazon.com (AMZN) dell’1,5%, mentre Alphabet (GOOGL), ha perso il 2,15%.

Apple (AAPL) è invece salita dello 0,5%.

 

Trimestrali deludenti

Gli utili di Costco hanno leggermente superato le aspettative, ma il titolo è sceso nell’after-hour.

Gli utili di Dell hanno soddisfatto le aspettative di Factset, ma non hanno raggiunto altre previsioni del consenso. I ricavi hanno battuto le aspettative, tornando a crescere. Il produttore di PC e server, ora focalizzato sull’IA, ha fornito però una guidance deludente. Le azioni sono crollate di oltre il 15% nel post-market.

Gli utili di NetApp hanno superato leggermente le aspettative. NTAP è scesa leggermente nell’after-hour. La rivale di NetApp, Pure Storage (PSTG), è salita dello 0,4% giovedì dopo una sessione tumultuosa, raggiungendo un nuovo massimo dopo i propri risultati mercoledì sera.

Gli utili e le vendite di Marvell sono stati in gran parte in linea con le aspettative. MRVL è sceso post-market.

 

Settori e industrie

 

Mercato diviso

Il mercato continua a essere diviso, con una sorta di cambio della guardia nelle ultime giornate fra i titoli.

Questa pausa potrebbe aiutare a formare nuove basi, ma deve essere sfruttata anche per tagliare subito i titoli perdenti o quelli più lenti presenti in portafoglio.

Continua ad aggiornare le tue watchlist.

PS: la waitlist per la #TPGC24 è stata chiusa, ma hai ancora la possibilità di acquistare il biglietto per l’evento. I biglietti stanno andando letteralmente a ruba, quindi non perdere altro tempo! Clicca QUI

 

Parla con il tuo tutor gratuitamente per sapere come far parte del gruppo élitario R.A.P.T.OR.

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214