Indici di nuovo in positivo

Condividi il post

Indici di nuovo in positivo nella sessione di lunedì, dopo sei giornate con il Nasdaq in negativo.

Il mercato ha ridotto i guadagni nell’ultima ora di contrattazione, con il Nasdaq che ha portato a casa un +1,11% e interrotto la serie più lunga in rosso dal dicembre 2022.

L’S&P500 è salito dello 0,87%, chiudendo la serie negativa più lunga da ottobre 2022. Il Dow Jones è salito invece dello 0,67%.

Il volume è diminuito sul NYSE e sul Nasdaq, mentre le azioni in rialzo hanno superato quelle in calo con un rapporto di 7 a 4 sul Nasdaq e di 8 a 5 sul NYSE. Tutti gli 11 settori dell’S&P sono saliti.

Bene anche le small-cap, con il Russell2000 che ha guadagnato il +1,02%.

Il rimbalzo di ieri non è certo sorprendente, considerando che molti titoli erano in ipervenduto dopo il sell-off della scorsa settimana, ma non è avvenuto su livelli chiave di supporto.

Ovviamente sono mancati i setup, come rilevato dagli scan R.A.P.T.OR.

 

Tentativo di rally in corso e trimestrali tech in arrivo

Il rimbalzo di ieri è stato l’inizio di un tentativo di rally, almeno in teoria. Finché l’S&P 500 e il Nasdaq rimangono al di sopra dei minimi di lunedì, è possibile cercare la conferma del nuovo position day già da giovedì.

Alphabet (GOOGL), Microsoft (MSFT) e Intel (INTC) pubblicheranno le loro trimestrali nella stessa giornata.

Fino a prova contraria “cash is the king”. Le Sette Sorelle hanno perso 950 miliardi di dollari di capitalizzazione, la loro perdita settimanale più grande di sempre, secondo Dow Jones Market Data. Leader come Nvidia (NVDA), Meta Platforms (META), Microsoft, Amazon.com (AMZN), Super Micro Computer (SMCI) si trovano ancora al di sotto delle loro SMA50D.

 

Settori e industrie

 

Ritracciamento dovuto e prospettive

Perdite come quelle della scorsa settimana non sono molto comuni, ma spesso sono necessarie per ripartire in maniera sostenibile.

L’S&P500 non aveva registrato un calo del 3% da ottobre scorso,  l’intervallo più ampio da quello dei 308 giorni terminato il 26 gennaio 2018.

L’impennata del 25,3% dell’indice nei cinque mesi fino al 31 marzo è stato solo uno sette casi dove il benchmark ha guadagnato più del 25% in questo timeframe dal 1945.

Storicamente è un buon segnale per il mercato.

In media, l’S&P500 ha registrato un aumento medio del 6,1% tre mesi dopo e del 7% sei mesi dopo. Da segnalare che nei sei casi precedenti il rally arrivava dopo un mercato ciclico ribassista, condizione che non abbiamo stavolta.

Guardando invece alla serie di giornate in perdita, l’S&P500 registra un aumento medio dell’1,1% un mese dopo la serie di sei giorni consecutivi di perdite e del 3,7% tre mesi dopo. Il rendimento medio su base annua dopo che l’S&P 500 ha registrato sei cali consecutivi è di circa il 13%, con il 79% dei casi che produce risultati positivi.

 

PS: la waitlist per la #TPGC24 è stata chiusa, ma hai ancora la possibilità di acquistare il biglietto per l’evento. I biglietti stanno andando letteralmente a ruba, quindi non perdere altro tempo! Clicca QUI

 

Parla con il tuo tutor gratuitamente per sapere come far parte del gruppo élitario R.A.P.T.OR.

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214