Kashkari e Netanyahu
affondano gli indici

Condividi il post

Kashkari e Netanyahu affondano gli indici, che avevano cominciato la giornata di giovedì con tono positivo.

Battute a parte, è impossibile sapere su chi cade maggiore responsabilità.  Qualcuno ha indicato i commenti del presidente della Fed di Minneapolis (non votante FOMC), che ha aperto all’ipotesi di vedere i tassi invariati qualora i progressi contro l’inflazione dovessero rallentare. Altri hanno indicato l’aumento delle tensioni geopolitiche in Medio Oriente legate alla potenziale rappresaglia dell’Iran contro Israele e i commenti di Netanyahu come il principale fattore che ha guidato il sell-off del pomeriggio.

In effetti le preoccupazioni per una nuova escalation hanno spinto al rialzo i prezzi del petrolio e il settore della difesa (vedi Lockheed Martin e RTX).

Le vendite sono state diffuse e tutti gli 11 settori dell’S&P500 hanno chiuso in rosso (6 sono scesi oltre l’1,0%).

Le richieste di sussidi di disoccupazione superiori alle aspettative avevano supportato il buy the dip iniziale, che si è però presto affievolito accompagnato dal calo dei rendimenti dei Treasury. Il rendimento del titolo decennale è sceso di quasi 5 punti base al 4,31%, arretrando per la seconda sessione consecutiva dopo aver toccato il massimo del 2024 martedì mattina.

Netta predominanza del bearish breadth (1300 vs 49) rilevata dagli scan R.A.P.T.OR.

 

Seconda chiusura debole consecutiva per gli indici

Il rally ha ceduto nel pomeriggio per la seconda volta consecutiva, con un’inversione al ribasso molto più decisa ieri.

Il Dow Jones è sceso dell’1,35% registrando la quarta sessione in rosso consecutiva e tagliando la SMA50D per la prima volta dal 2 novembre. L’S&P500 è sceso dell’1,23%, chiudendo al di sotto della sua EMA21D per la prima volta in tre mesi.

Il Nasdaq, in rialzo del 1,2% intraday, ha perso l’1,40%, appena al di sotto della SMA10W per la prima volta dall’inizio di novembre.

Male anche il Russell2000 che è tornato sotto la EMA21D.

Aperture forti e chiusure deboli non sono un buon segno per il mercato. Tuttavia, gli indici principali non sono lontani dai massimi. Una pausa leggermente più lunga e meno volatile potrebbe essere costruttiva.

 

NFP in arrivo

Il Dipartimento del Lavoro pubblicherà il report sui nuovi posti creati a marzo alle 8:30 del mattino (ora NY) di oggi. Gli economisti si aspettano di 200,000 nuovi posti di lavoro dopo i 275,000 di febbraio. Si prevede che il tasso di disoccupazione si mantenga al 3,9%. Il salario medio orario dovrebbe aumentare dello 0,3% rispetto a febbraio, con la crescita annuale che si raffredda al 4,1% dal 4,3%.

 

Kashkari abbassa la musica: “Potrebbero non esserci tagli”

Il Presidente della Federal Reserve di Minneapolis, Neel Kashkari ha dichiarato di aver previsto per il 2024 due tagli dei tassi già dalla scorsa riunione della Fed ma, ha aggiunto, nel caso in cui l’inflazione dovesse mostrarsi più ostica o addirittura fermare il suo lento trend di discesa, potrebbe non arrivare alcun taglio per tutto l’anno.

«Se continuiamo a vedere l’inflazione muoversi lateralmente, allora mi chiedo se sia necessario tagliare i tassi», ha detto Kashkari durante un’intervista.

Da qui la previsione di un possibile tasso di riferimento fermo nell’attuale intervallo 5,25%-5,50% per un periodo di tempo più lungo. Non solo, ma in caso anche questo non dovesse bastare allora non sono da escludersi nuovi rialzi sul costo del denaro.

Settori e industrie

Ancora aperture forti e chiusure deboli

Ancora una volta, il mercato ha mostrato forza al mattino per poi indebolirsi nel pomeriggio.

Finora, il rally ha vissuto una fase fisiologica di riposo dopo il forte rialzo partito a novembre. Un mercato laterale può essere positivo a lungo termine, ma può essere complicato da gestire nel presente senza consapevolezza della situazione e senza avere un metodo.

Possibile volatilità dopo la pubblicazione degli NFP, mentre molti dei leader dei temi di mercato hanno già anticipato gli indici testando SMA10W e SMa50D.

I temi di mercato saranno al centro della Trend Positioning Growth Conference 2024. Iscriviti subito alla lista d’attesa al link QUI

Per scoprire come rimanere sempre sincronizzato con l’azione del mercato, i temi, le industrie e i titoli leader non esitare a contattare senza impegno uno dei nostri consulenti al link QUI.

Parla con il tuo tutor gratuitamente per sapere come far parte del gruppo élitario R.A.P.T.OR.

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214