La sicurezza dei numeri fuori dal mercato azionario

Condividi il post

Il mese di Settembre sta giungendo alla fine e anche stavolta è stato all’altezza della sua reputazione di essere storicamente il peggior mese dell’anno.

Come abbiamo discusso precedentemente, questa battuta d’arresto era in un certo senso attesa e sana per un buon andamento del mercato azionario nei mesi che verranno. Inoltre, era previsto un periodo di consolidamento, visto che il mercato aveva fatto molta strada in poco tempo.

 

Tuttavia, ciò che è balzato agli occhi di molti partecipanti come catalizzatore della battuta d’arresto di Settembre è stato il rapido aumento dei buoni del tesoro americani. Nel momento in cui scriviamo, il rendimento dei buoni a 10 anni, che aveva raggiunto il 4,68%, è salito di 50 punti base questo mese al 4,59%, raggiungendo il livello più alto dal 2007.

Quindi, quella che era iniziata come una mossa tecnica da parte del mercato azionario, alla fine è diventata anche una mossa fondamentale.

 

Cosa significa tutto questo

 

Non vogliamo trasformare questo articolo in una discussione sulle prospettive economiche.

L’intenzione è di trasformarlo in una discussione sulle prospettive del mercato azionario.

 

L’aumento dei rendimenti non è necessariamente negativo per il mercato azionario, soprattutto se è associato a una situazione macro-economica forte. I rendimenti più alti diventano però più problematici per il mercato azionario quando diventano la base per investimenti di sicurezza in un contesto di incertezza.

 

In altre parole, quando ci sono alternative prive di rischio, o quasi, che offrono un potenziale di reddito insieme alla conservazione del capitale, la volontà di prendere rischio nel mercato azionario diminuisce.

 

Perché inseguire la possibilità di un rally del 5% nel mercato azionario quando si può rimanere parcheggiati in un T-bill a 3 mesi che rende quasi il 5,50%? La risposta, supponiamo, dipenderà dalla tolleranza al rischio e dalle ipotesi che il mercato azionario possa fare molto meglio di così.

 

A dire il vero, il mercato azionario farà molto meglio di così, nel lungo periodo.

 

È il breve termine a essere in discussione e ci aspettiamo che in questo periodo di elevata incertezza sulle prospettive a breve termine gli investitori cerchino risposte più confortanti al di fuori del mercato azionario.

Perché? Perché finalmente possono farlo di nuovo senza avere la sensazione di non ottenere nulla in cambio della sicurezza.

 

Ieri il Russell 2000, che rappresenta l’effetto contrario, ovvero una modalità di “risk-on” ha guadagnato lo 0,8%, sostenuto dai titoli finanziari. L’Invesco S&P 500 Equal Weight ETF (RSP) è salito dello 0,7%. Ma entrambi sono ancora ben al di sotto delle loro medie a 200 giorni.

I titoli energetici hanno mantenuto in gran parte i forti guadagni di mercoledì, mentre i tecnologici sono saliti, insieme agli assicuratori e a vari gruppi legati all’edilizia rimanendo tuttavia il peggiore settore degli ultimi 30 giorni.

I prezzi del greggio statunitense sono scesi del 2,1% a 91,71 dollari al barile dopo aver superato brevemente i 95 dollari mercoledì sera.

Il rendimento del Tesoro decennale è sceso di circa 3 punti base al 4,6% dopo aver toccato un nuovo massimo a lungo termine del 4,69% durante la giornata.

 

Ieri è stato il secondo giorno del tentativo di rally del mercato azionario per l’S&P 500 e il Nasdaq e il primo giorno per il Dow Jones. Un’ulteriore giornata di rialzo, possibilmente la prossima settimana, segnalerebbe che il trend rialzista potrebbe avere gambe per un rally di fine anno.

 

Cosa fare ora

 

Può essere difficile osservare i titoli che si muovono con forza senza entrare a mercato. Ma si tratta pur sempre di una correzione del mercato. Il tentativo di rally non si è ancora dimostrato valido.

Se non potete farne a meno, prendete piccole posizioni pilota per iniziare, ma siate pronti a uscire rapidamente.

 

Per la maggior parte degli investitori, attendere ulteriori conferme è probabilmente la migliore linea d’azione.

È un momento fondamentale per aggiornare le proprie watchlist. Sebbene la giornata di ieri abbia evidenziato nomi promettenti del settore tecnologico come Meta e Nvidia, l’energetico rimane il settore principale.

 

Parla con il tuo Tutor e chedi del Trader R.A.P.T.OR. o prendi un appuntamento QUI per sapere come rimanere in sintonia con la direzione del mercato, con i temi più caldi, con i titoli e i settori leader.

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214