Missione (quasi) compiuta per la Fed: stop a nuovi rialzi dei tassi?

Condividi il post

Un Jerome Powell da Premio Oscar durante la conferenza stampa di ieri ha dosato le parole e le frasi per mantenere ancora viva la possibilità di ulteriori aumenti dei tassi d’interesse da parte della banca centrale, ma allo stesso tempo ha rassicurato su uno scenario “on hold” anche per i prossimi meeting.

Decisione già scontata

Come ribadito lunedì durante il webinar R.A.P.T.OR, la decisione della banca centrale di mantenere i tassi d’interesse invariati al termine della riunione di novembre era già nell’aria. Quindi, durante la conferenza stampa sarebbe bastata una semplice battuta per cambiare l’opinione diffusa che nonostante l’inflazione ancora fuori target, un mercato del lavoro robusto e un’economia forte la Fed abbia probabilmente terminato con gli aumenti dei tassi d’interesse.

Nessuna sorpresa

La svolta verbale tanto attesa (e temuta) non è mai arrivata. Powell ha affermato che i rischi di “fare troppo” e “fare troppo poco” stanno diventando “più equilibrati”. Ha raccontato con soddisfazione i progressi sia sull’inflazione che sulla crescita dei salari. Ha sottolineato che i tassi sono “chiaramente restrittivi”, pur riconoscendo che ora l’attenzione è su “acquisire fiducia” che la politica sia sufficientemente restrittiva, lasciando intendere che potrebbe già esserlo.

Proiezioni di settembre sminuite

Ha minimizzato notevolmente l’importanza delle proiezioni trimestrali sui Fed Funds che a settembre indicavano un altro ritocco da 25bps.

“Penso che l’efficacia delle proiezioni probabilmente si deteriori nel periodo di tre mesi tra quella riunione e la successiva”, ha detto Powell, aggiungendo che le proiezioni della Fed “non sono una promessa o un piano per il futuro”.

Nuovi ritocchi improbabili (ma non impossibili)

I commenti del presidente della Fed mercoledì hanno effettivamente alzato l’asticella su ciò che dovrà succedere per alzare i tassi di interesse sopra il range attuale del 5,25-5,50%. Con l’aumento dei rendimenti dei Treasury, l’irrigidimento delle condizioni finanziarie e il raffreddamento dell’inflazione, la nuova soglia critica per un aumento dei tassi potrebbe non essere mai raggiunta.

Investitori fiduciosi

Poco dopo la fine della conferenza stampa, gli investitori stavano considerando con un’82% di probabilità che la banca centrale mantenga i tassi invariati anche a dicembre, in aumento rispetto al 70% del giorno precedente, secondo il CME FedWatch.

L’impressione a caldo è stata quella che il FOMC, seppure ancora con bias hawkish, possa mantenere questo approccio “on hold”, e non fare una semplice pausa nel ciclo rialzista dei tassi.

Ovviamente da bravo marinaio navigato, Powell è stato attento a non chiudere del tutto la porta alla possibilità di un altro rialzo dei tassi e ha seguito tutti gli step per ricordare come tutte le opzioni siano ancora valide per il futuro.

I tagli ai tassi non sono affatto in discussione al momento, e nemmeno una terza pausa consecutiva a dicembre impedirebbe  di procedere con un altro rialzo a gennaio nel caso fossero necessarie ulteriori restrizioni.

Powell equilibrista

Powell ha sottolineato come il FOMC non abbia avuto intenzione di tagliare, ma allo stesso tempo non fosse desideroso di aumentare i tassi.

L’aumento dei rendimenti dei titoli di Stato ha reso le condizioni finanziarie più restrittive di recente, ma Powell ha sottolineato che non è ancora chiaro se l’attuale trend durerà, e se un’inversione di tendenza potrebbe rendere necessarie ulteriori restrizioni monetarie.

L’inflazione potrebbe iniziare a risalire entro la fine dell’anno, nonostante si stia progressivamente avvicinando al target del 2%. La forza del mercato del lavoro potrebbe nuovamente creare spinte inflazionistiche, alimentando i consumi e un altro trimestre di crescita superiore alle stime.

Tuttavia al momento sembra improbabile un ulteriore rialzo dei tassi e occhi  e orecchie sono già puntati agli NFP di venerdì e al prossimo meeting di dicembre.

Insomma per ora l’approccio “higher for longer” appare come la nuova normalità, come abbiamo discusso in tempi non sospetti nei webinar riservati R.A.P.T.OR.

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214