Non Farm Payrolls (NFP): cambia il trend del mercato del lavoro USA

Condividi il post

Quello di stanotte non è un intervento per salvare una banca, ma per controllare il mercato dei bond e, di conseguenza salvare l’azionario, dal mio punto di vista.
Non ho idea di cosa succederà, se ci saranno altre sorprese o ulteriore panico o, ancora, un nuovo minimo.
Oggi i mercati apriranno in gap-up: sarà un proseguimento della paura o l’idea di alcuni che il bear market è finito.
C’è ancora tanto che può succedere nelle prossime due settimane ma sono – per la prima volta dal 2022- soddisfatto di quello che è successo.
Non soddisfatto per lo sfascio di una banca o per le perdite economiche di aziende e risparmiatori – il FIDC garantisce comunque fondi per persona pari a 250,000$ ma l’americano medio ne ha 5300$ sul conto…
Quindi questo NON è un salvataggio delle famiglie americane, voglio essere chiaro.
Ma sono soddisfatto perché per la prima volta è arrivato vero panico.
Quello di stanotte, quindi, potrebbe essere il giro di boa o comunque un momento “decisivo” per questo bear market.

No, non ho invertito la direzione della macchina del tempo.

Questo è quello che scrivevo il 13 Marzo, puoi trovarlo sul nostro gruppo Facebook cliccando QUI.

Quella appena passata è stata una settimana molto attesa per i mercati, se non altro per la mole di dati macro-economici. E probabilmente indica un altro “giro di boa”

 

Dopo il FOMC della FED dove il chief Jerome Powell ha dichiarato di non aumentare i tassi d’interesse e, ancora una volta, le preoccupazioni per il mercato del lavoro ancora troppo “caldo” ieri è stato proprio il giorno dei dati sul mercato del lavoro.

Bad news is Good news

 

Come diciamo sempre non è il dato che conta, ma la reazione al dato. E questa reazione spesso dipende dal momento macro-economico e geo-politico di un preciso momento storico.

 

I dati di ieri mostrano che il numero di nuove buste paga è sceso rispetto alle stime (150.000 rispetto ai 180.000 attesi dagli analisti finanziari) mentre è aumentato il tasso di disoccupazione (3.9% rispetto al 3.8%).

 

Questa è indubbiamente una brutta notizia per le persone che stanno perdendo il lavoro e per il calo degli affari per le aziende ma un OTTIMO dato per i mercati.

 

Cosa significa per la FED

 

Significa appunto che l’economia si sta indebolendo e la FED ha un tono sempre più dovish.

Un tono dovish indica una predisposizione verso politiche monetarie espansive o accomodanti, cioè politiche volte a stimolare l’economia e a sostenere la crescita economica, fra cui la pausa e poi il taglio dei tassi d’interesse.

 

Ora siamo in una situazione intermedia tra i mercati che apprezzano gli effetti di tassi più bassi e di un dollaro in calo con un’economia in rapido deterioramento.

 

I prossimi mesi saranno rischiosi e la FED dovrà probabilmente allentare la tensione rapidamente.

L’andamento dei salari e della creazione di posti di lavoro rallenterà rapidamente l’inflazione nei prossimi mesi, favorendo un percorso inflazionistico già in discesa.

 

Escludendo la situazione anomala del 2020 dovuta al Covid-19, questa è la prima volta dal 2008 che vediamo un incremento della disoccupazione che segna nuovi massimi in un trend crescente (linea blu nel grafico sotto).

 

 

La FED lo sa e probabilmente è più dovish di quanto sembri.

 

A nostro avviso il loro timore rimane quello di commettere gli errori degli anni ’70/’80, che hanno richiesto tassi più alti a causa di un cambio di rotta prematuro.

 

Parleremo di come affrontare questo periodo nel webinar riservato ai clienti R.A.P.T.OR. il prossimo lunedì.

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214