Rendimenti dei Titoli di Stato alle stelle: QQQ e S&P500 lasciano un messaggio fuorviante ai mercati azionari

Condividi il post

 

 

SPY +0,16% a 427.31 QQQ +0,77% a 361,26 MDY -1,01% a 450,61 IWM -1,30% a 174,07

Primo giorno di un nuovo mese e del quarto trimestre per i mercati. I titoli hanno seguito uno schema familiare, tuttavia, e hanno lottato contro l’aumento dei tassi di mercato.

La chiusura finale dell’S&P 500 e del QQQ sono state un po’ fuorvianti, in quanto hanno nascosto un’ampia debolezza sotto la superficie mentre $RSP, che rappresenta l’S&P500 equamente pesato ha testato i minimi di Giugno.

 

Infatti 9 degli 11 settori dello S&P 500 hanno chiuso in rosso. Il settore Utilities, quello più sensibile ai tassi, è stato notevolmente debole, con un crollo del 4,7%. Il settore energetico (-2,1%) è stato un altro laggard, scivolando insieme ai prezzi del petrolio ($89,71/bbl, -1,10, -1,2%), in parte come reazione al rafforzamento del dollaro e al rapporto di Reuters secondo cui la produzione di petrolio dell’OPEC è aumentata a Settembre.

La forza relativa nello spazio delle mega-capitali ha fatto – ancora una volta –  la differenza per l’S&P 500 e il Nasdaq Composite mentre non è andata bene per le small e le mid cap.

 

Dopo il grande movimento di Settembre, il rendimento del titolo di Stato a 10 anni è balzato di altri 11 punti base al 4,68% dopo aver toccato il 4,70% intraday mentre il rendimento del titolo a 2 anni è salito di sette punti base al 5,11%.

 

Rendimenti e indice manifatturiero

 

L’accordo a sorpresa raggiunto nel fine settimana per evitare lo shutdown del governo e I dati sul settore manifatturiero sono stati i due principali motivi che hanno favorito la vendita di obbligazioni, facendo salire i rendimenti. Il sondaggio dell’Institute for Supply Management sulla produzione è salito al 49% a Settembre registrando il terzo aumento consecutivo e ha raggiunto un massimo di 10 mesi.

 

Mentre Settembre è storicamente il mese peggiore per il mercato azionario,  Ottobre è quello che registra il numero maggiore di Bottom di mercato e il mercato azionario dà il meglio di sé nel quarto trimestre dell’anno.

 

Tuttavia questo non dovrebbe rappresentare un valido e sufficiente motivo per entrare a mercato.

 

Infatti i nostri modelli di rischio ci indicano che, nonostante il rimbalzo di ieri, servirà tempo per avere una quantità sufficiente di setup che possano dimostrare di essere nuovamente in un ambiente a basso rischio e alto rendimento.

 

 

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214