Trimestrale Q1 di Nvidia: Blackwell e il Data Center da 200 miliardi di dollari

Condividi il post

Nvidia: Il Futuro dell’Intelligenza Artificiale

 

Credo che sia arrivato il momento di parlare di un’azienda in particolare. Non ho mai visto, probabilmente a parte Tesla nel 2020 e nel 2021, parlare di un titolo come Nvidia negli ultimi giorni. Sicuramente per i dati trimestrali che sono stati rilasciati e sicuramente perché è un’azienda di cui si parla tanto anche nei media comuni. Vista tanta confusione anche da parte dei più esperti, voglio fare questo video per chiarire la situazione.

 

La Potenza di Nvidia

 

Nvidia in questo momento è l’azienda di intelligenza artificiale più potente al mondo perché produce i chip di intelligenza artificiale più potenti sul mercato. Spero che su questo non ci siano dubbi. Quasi tutti i servizi di intelligenza artificiale oggi funzionano sull’infrastruttura di Nvidia.

 

Dopo aver annunciato uno split azionario di 10-1 durante una delle migliori conference call sugli utili nella storia recente del mercato azionario, le azioni di Nvidia hanno superato i $1000 per azione. Quando vediamo una crescita così elevata, psicologicamente è proprio un bias degli investitori. Alle persone viene in mente di iniziare a vendere, chiedendosi se sia il momento di liberarsi del titolo che forse è all’interno di una bolla. In questo video spiegheremo perché non lo è, dal nostro punto di vista, e perché i giorni migliori sono ancora davanti a noi. Noi crediamo fortemente nella seconda opzione.

 

Ecco un riepilogo di ciò di cui parlerò in questo articolo:

– Analizzerò i risultati finanziari impressionanti di Nvidia con particolare attenzione ai Data Center.

– Parleremo della loro roadmap, inclusa la prossima generazione di chip dopo Blackwell.

– Parlerò dei maggiori rischi attuali per Nvidia, come la concorrenza e le limitazioni dell’offerta.

– Infine, condividerò cosa sto facendo con le mie azioni di Nvidia, specialmente in vista dello split azionario che avverrà fra il 6 e il 7 di giugno.

 

Il CEO di Nvidia ($NVDA) Jensen Huang durante la GTC 2024 con l’architettura Blackwell nella mano sinistra e un prototipo da 10 miliardi di dollari nella mano destra

 

Analisi Finanziaria

 

Nvidia ha registrato ricavi record di 26 miliardi per l’ultimo trimestre, un aumento del 23% rispetto al precedente trimestre che era già un trimestre record e un aumento del 262% su base annua. Gli utili per azione sono stati di 66,12, 10% in più rispetto alle previsioni degli analisti e 7 volte e mezzo superiori rispetto a un anno fa. I ricavi dei Data Center, che ora rappresentano l’86% dei ricavi totali, sono aumentati del 22% trimestre su trimestre e del 427% su base annua, raggiungendo oltre 225 miliardi di dollari. Nvidia è sulla buona strada per generare 100 miliardi di ricavi solo dagli acceleratori di intelligenza artificiale quest’anno, mentre AMD punta a circa 4-5 miliardi.

 

 

È importante notare che Nvidia era in difficoltà un anno fa con il loro settore dei videogiochi, che era il settore principale e che invece è stato in forte calo. Tuttavia, l’entrata nei Data Center ha portato a una ripresa impressionante. Dobbiamo aspettarci che la crescita su base annua rallenti nei prossimi trimestri poiché i confronti saranno fatti con i risultati già elevati degli ultimi quattro trimestri.

 

 

Margini di Guadagno

 

Nvidia ha riportato margini lordi del 78,4%, comparabili a quelli di un’azienda di software. I margini lordi sono aumentati di due punti e mezzo trimestre su trimestre e di ben 14 punti su base annua. Questo è ciò che succede quando una sola azienda domina il tema principale di mercato in più rapida crescita del pianeta.

 

Le azioni di Nvidia sono effettivamente più economiche oggi di quanto non lo fossero un anno fa. Sebbene il prezzo delle azioni sia aumentato del 180% nell’ultimo anno, gli utili per azione sono cresciuti del 650%, rendendo di fatto il rapporto prezzo/utili di Nvidia tre volte inferiore rispetto a un anno fa. Le azioni di Nvidia stanno scambiando intorno alla loro media del rapporto prezzo/utili di cinque anni, anche se stanno crescendo velocemente oggi e hanno margini molto più alti.

 

 

La Roadmap dei Prodotti

 

Nvidia ha accelerato il loro ciclo di rilascio fra un hardware e l’altro da ogni 2 anni a uno all’anno. Blackwell, la prossima generazione di chip, sarà disponibile alla fine di quest’anno. Jensen ha appena consegnato a mano il primo sistema DGX H200 al mondo a OpenAI questo aprile. Nvidia rilascerà un intero set di rete basate su Ethernet, il che è importante perché i datacenter basati su Ethernet possono ora avere il meglio dei due mondi: distribuire l’hardware di Nvidia senza dover passare a InfiniBand.

 

I Vantaggi Competitivi di Nvidia

 

Nvidia ha un altro chip ancora da presentare previsto per il 2025 insieme a grandi aggiornamenti alle loro soluzioni di rete Quantum InfiniBand e Spectrum X Ethernet. Durante l’ultima trimestrale, Jensen ha confermato che Nvidia è ora completamente su un ritmo annuale di rilascio di un chip all’anno.

 

Nel primo trimestre, Nvidia ha iniziato a spedire la nuova soluzione di rete Spectrum X Ethernet, ottimizzata per l’intelligenza artificiale. Questa soluzione include lo switch SPC 4, la DPU BlueField 3 e nuove tecnologie e software per superare le sfide dell’intelligenza artificiale su Ethernet, offrendo prestazioni di rete 1,7 volte superiori rispetto all’Ethernet tradizionale.

 

Il vero vantaggio di Nvidia non arriverà solo dal prossimo semiconduttore, ma dalla combinazione di tutti questi pezzi insieme. La piattaforma Blackwell comprende le GPU B100 e B200, la GPU Grace, il chip Super GB200 che li collega, e i collegamenti chip per collegare il rack. Questa infrastruttura è ciò che fa la vera grande differenza.

 

 

Concorrenza e Rischi

 

Nvidia ha due tipi di concorrenza: i produttori di chip come AMD e Intel e gli hyperscaler che producono i loro chip come Amazon, Microsoft e Google. Tuttavia, quando la maggior parte delle persone acquista un’auto o un telefono, possiede solo un chip alla volta. Nei datacenter, invece, i datacenter gestiscono una vasta gamma di carichi di lavoro, quindi non c’è una vendita persa per Nvidia se Microsoft acquista una GPU da AMD.

 

 

Il Data Center di Nvidia da $150-200 Miliardi: L’Effetto Blackwell

 

Non c’è niente come rapide revisioni degli utili intra-trimestre per determinare la qualità di una posizione. Ad esempio, consideriamo che Nvidia ha subito un calo subito dopo il rapporto di novembre, ma da allora è aumentata rapidamente del 91%. Le revisioni degli utili sono il motivo per cui Nvidia è così forte intra-trimestre.

 

Previsioni di Crescita

 

Per il prossimo trimestre, si prevede una crescita del 242%. Lo scorso agosto, la crescita prevista per il trimestre di aprile era del 91,6%. Solo tre mesi fa, le stime per il trimestre di aprile erano per una crescita del 197,5%. In termini di entrate, le revisioni per questo trimestre sono raddoppiate da 13,8 miliardi di dollari ad agosto a 24,5 miliardi di dollari.

 

Per il prossimo trimestre, l’azienda prevede una crescita del 98,7%. A novembre scorso, ci si aspettava una crescita del 44,6%. In termini di entrate, le entrate per il prossimo trimestre sono aumentate di 7 miliardi di dollari, passando da 19,5 miliardi di dollari a novembre a 26,7 miliardi di dollari a maggio. Solo negli ultimi tre mesi, le stime sono aumentate di 4 miliardi di dollari.

 

Di seguito, discutiamo perché i margini, il flusso di cassa e gli utili forti supportano la nostra decisione di acquistare sui ribassi. Tuttavia, altrettanto importante, esiste una probabilità decente che le stime delle entrate per l’anno fiscale 2026 e 2027 siano troppo basse. L’analista più ottimista di KeyBanc prevede un segmento di data center da 200 miliardi di dollari entro il 2025. HSBC crede che le entrate di Nvidia per l’anno fiscale 2026 potrebbero arrivare fino a 196 miliardi di dollari, il che implica circa un segmento di data center da 192 miliardi di dollari. Loop Capital prevede un segmento di data center da 150 miliardi di dollari già da quest’anno, mentre Wells Fargo ha stime per un segmento di data center da 150 miliardi di dollari entro il 2027. La tempistica esatta di questi analisti varia, ma la conclusione è molto simile.

 

Stime Attuali e Proiezioni

 

Analizziamo il peso di questi commenti con alcuni calcoli approssimativi, che mostrano che gli analisti attualmente stimano circa 122,4 miliardi di dollari di entrate per i data center per l’anno fiscale 2026 (anno solare 2025). Questo è circa il 65% inferiore alle stime più ottimistiche di 200 miliardi di dollari di entrate per i data center.

 

– Q1 FY25: $20,75B
– Q2 FY25: $23B
– Q3 FY25: $25,5B
– Q4 FY25: $27,7B
– Q1 FY26: $27,87B
– Q2 FY26: $29,7B
– Q3 FY26: $31,51B
– Q4 FY26: $33,25B

 

 

Queste sono le stime attuali, ma se gli analisti hanno ragione, allora la parte estrema destra del grafico terminerà con entrate trimestrali di $50 miliardi. La differenza tra il consenso attuale e questa traiettoria molto più alta può essere riassunta in una parola: Blackwell.

 

Fattori di Crescita

 

Ci sono ulteriori punti dati nella catena di approvvigionamento e sul lato della domanda che supportano un aumento degli ordini per Blackwell rispetto a Hopper. Ad esempio, la capacità CoWos di Taiwan Semi, essenziale per l’architettura di Blackwell, è stimata in aumento a 40.000 unità/mese entro la fine del 2024, con un aumento del 150% YoY da circa 15.000 unità/mese alla fine del 2023. Applied Materials ha aumentato la sua previsione per le entrate di packaging HBM da una precedente visione di crescita 4X a 6X quest’anno. Secondo Wells Fargo, i dati di esportazione taiwanesi sono aumentati del 360% anno su anno e del 33% trimestre su trimestre, e sono spesso correlati alle entrate dei data center di Nvidia.

 

I CEO delle principali aziende nel settore degli acceleratori dell’intelligenza artificiale concordano sul fatto che il mercato indirizzabile totale è molto più grande delle dimensioni attuali del mercato. Lisa Su di $AMD ha dichiarato che il mercato dei chip AI raggiungerà i 400 miliardi di dollari entro il 2027. Il CEO di Intel ha affermato che i chip AI diventeranno un’opportunità da 1 trilione di dollari entro il 2030, quasi il doppio delle dimensioni dell’intera industria dei chip nel 2023.

 

Conclusioni

 

Investo e trado su Nvidia dal 2016. Non mi sono svegliato oggi come tutti quanti dividendi in una fazione piuttosto che nell’altra. Nvidia è il titolo che conosco più di tutti e che mi ha permesso di diventare un investitore professionista. Se pensi che questo video ti sia stato utile, metti mi piace e iscriviti al canale. Considera di partecipare alla Trend Positioning Growth Conference 2024 per capire ancora di più la scienza dietro il mondo nuovo di questa rivoluzione industriale.

 

Nvidia è di gran lunga la mia posizione più grande in questo momento. Vediamo un po’ un ragionamento da fare: se dovesse cambiare qualcosa a livello grafico sul titolo, siamo pronti a uscire e rientrare eventualmente. Nvidia sta creando un’infrastruttura che ancora non può essere supportata dai sistemi attorno a quella infrastruttura, ma è importante per i datacenter ottimizzare i loro costi.

 

I datacenter acquisteranno chip da AMD e Intel per alcuni compiti e utilizzeranno i sistemi Nvidia per applicazioni di addestramento e inferenze molto più pesanti. Nvidia non ha concorrenza quando si tratta di supportare datacenter basati su Ethernet. La capacità di calcolo e le interconnessioni che Nvidia è riuscita a creare rispetto a qualsiasi altra azienda al mondo sono senza pari. 

 

Opportunità Future

 

La vera leadership nel lungo termine e il vero vantaggio competitivo nei mercati delle aziende sarà di chi sta costruendo piattaforme tecnologiche su cui altre aziende costruiscono i loro prodotti e servizi. Nvidia è in prima linea in questa nuova rivoluzione industriale e il loro successo futuro sembra garantito.

 

Ogni lunedì alle 19:00, il team del T/P Reasearch tiene un webinar per trader e investitori per discutere come navigare nel mercato in generale, nonché le operazioni di acquisto, gestione e vendita di azioni e dei temi caldi del mercato. Per saperne di più, clicca qui.

 

Nota bene: TP Research conduce ricerche e trae conclusioni per il portafoglio aziendale. Condividiamo quindi queste informazioni con i nostri clienti. Questo non garantisce le prestazioni di un titolo e non costituisce un consiglio finanziario. Consulta il tuo consulente finanziario prima di acquistare qualsiasi azione delle società menzionate in questa analisi.

Gian Massimo Usai
CEO, Co-Founder e Head of Research
Trend Positioning Research Institute

Iscriviti alla Newsletter

  • Azioni da tenere d’occhio
  • Analisi di mercato settimanali
  • Analisi dei temi più caldi del momento

Ottieni il tuo Bonus

Inserisci i dati qua sotto e
accedi al corso Trader Maximo

  • Perché NON devi essere un “risparmiatore” (e perché invece devi essere moralmente orgoglioso di speculare)
    Pagina 12
  • È possibile battere i mercati per noi comuni mortali? (Spoiler: il mercato è una media di titoli che hanno risultati diversi, quindi… almeno metà di quei titoli lo sta già battendo!!)
    Pagina 22
  • Perché NON ha alcun senso investire in ETF se vuoi sovra-performare il mercato
    Pagina 17
  • La differenza tra Value Stock e Growth Stock e perché devi tradare esclusivamente queste ultime se vuoi generare rendimenti da capogiro sui mercati.
    Pagina 160
  • L’incontro del tutto casuale che ha stravolto la mia vita da Trader
    Pagina 97
  • Come staccarti dal 99% dei trader che perde soldi a causa della natura umana
    Pagina 52
  • Trading e Psicologia: come governare l’emotività per gestire con freddezza siberiana le tue posizioni a mercato.
    Pagina 57
  • I 7 grandi errori da non commettere MAI quando fai trading (ci sei incappato anche tu, è quasi matematico: da adesso in poi non lo farai MAI PIÙ)
    Pagina 62
  • Perché l’Analisi Fondamentale fine a se stessa è “l’occasione sprecata” da sempre di tutto il trading
    Pagina 79
  • Il motivo per cui l’Analisi Tecnica (fine a se stessa) NON funziona (non è la stessa cosa se davanti al portiere ci vado io o Cristiano Ronaldo…)
    Pagina 91
  • I Mostri Sacri del Trading che mi hanno guidato nella creazione del Trend Positioning (non si tratta di Warren Buffet o Ray Dalio)
    Pagina 112
  • L’essenza del Trend Positioning: la “teoria del tutto” della comprensione dei mercati finanziari
    Pagina 146
  • Il protocollo R.A.P.T.OR: i 5 passi per scovare i titoli dal DNA esplosivo e tradarli al Top
    Pagina 148
  • Le 7 forze che consentono di mappare il DNA delle aziende che hanno il potenziale giusto per esplodere al rialzo e diventare degli outlier
    Pagina 149
  • Qual è l’unico ciclo di mercato in cui DEVI possedere i titoli azionari
    Pagina 144
  • Perché esistono i Pattern e come riconoscerli per comprare titoli pronti a decollare verso la Luna.
    Pagina 165
  • Come ho scovato ZOOM prima che fosse Zoom, con 6 mesi di anticipo sul resto del mondo.
    Pagina 357
  • Perché il mantra “investi su ciò che conosci” è l’errore numero uno di ogni trader.
    Pagina 157
  • Come riconoscere il trend e cavalcarlo fino alla fine, guadagnando rendimenti percentuali a tripla cifra.
    Pagina 164
  • Due parametri chiave per scartare i titoli spazzatura in pochi secondi.
    Pagina 187
  • La Forza Relativa: Il vantaggio più importante del Trend Positioner per riconoscere a colpo d’occhio i veri titoli leader di mercato (i così detti outlier).
    Pagina 158
  • Specific Buy Point – gli occhiali a raggi X per vedere quando gli operatori istituzionali hanno deciso di investire pesantemente in un titolo
    Pagina 188 e 372
  • Gli indicatori proprietari per ingressi a prova di scimmia. Con questi non puoi sbagliare.
    Pagina 370
  • Money Management: quanto capitale dedicare a ogni titolo azionario e come contenere il rischio di ogni singolo trade. Tradare le Growth Stock non è affatto più rischioso di altri investimenti.
    Pagina 195
  • I Segnali inequivocabili di vendita che URLANO quando devi uscire fuori dal mercato.
    Pagina 374
  • Cosa hanno in comune l’ossessione del più grande Marketer di tutti i tempi e i titoli che vogliamo mettere in portafoglio
    Pagina 207
  • La storia si ripete: entra nel “laboratorio analisi” del TPRI e impara a riconoscere il DNA degli outlier, con ben 68 casi reali
    Pagina 214